Svelato il progetto “Casa Italia” per le Olimpiadi 2024

La struttura sarà ospitata nel Pre Catelan all'interno del Bois de Boulogne. Casa Italia presenta anche opere note di artisti contemporanei come Marinella Senatore o Patrick Tuttofuoco

In occasione dei Giochi Olimpici di Parigi, nel bucolico ambiente di Pre Catelan nel cuore di del Bois de Boulogne, il parco più verde del capoluogo francese, verrà allestita Casa Italia. Ensemble è il nome del progetto che andrà a significare le innumerevoli sfumature del concetto di “insieme” come elemento fondante per una crescita umana e sociale: sport, sostenibilità ambientale, pace e fratellanza, sono le linee guida dell’iniziativa, ovviamente sostenibile, proprio come gli allestimenti di Tokyo 2020.

«Ensemble è lo sport protagonista delle Olimpiadi, Ensemble è la comunità degli sportivi e dei popoli che vi partecipano, Ensemble è costruzione del bene comune, Ensemble è condivisione, finalmente in presenza ma anche attraverso tutti i mezzi che oggi abbiamo a disposizione per farlo, Ensemble è sostenibilità sociale e ambientale: temi e obiettivi che soltanto affrontandoli collettivamente possono essere raggiunti. Ensemble è lavorare per costruire la pace, Ensemble infine sono le Olimpiadi, l’esempio più nobile dell’essere fratelli» si legge infatti sul comunicato dell’iniziativa.

Il concetto di Ensemble sarà declinato, reso visivo e memorabile anche attraverso le opere di importanti artisti italiani contemporanei: Riccardo Previdi, Julie Polidoro, Fabio Viale, Marinella Senatore, Patrick Tuttofuoco, Claire Fointane, Vincenzo Agnetti, Giovanni Bonotto, Marco Bernardi, Sergio Breviario, Alberto Di Fabio, Paolo Delle Monache, Francesco Jodice, Agostino Iacurci, Margherita Moscardini, Matteo Nasini, Gabriele Picco, Stalker ed Edoardo Tresoldi. Medium espressivi assai differenti fra di loro, che arricchiranno gli ambienti di Casa Italia tra installazioni, sculture e segno pittorico. All’esterno della Casa, sarà inoltre presente una copia della scritta luminosa “Italia” presente già alla Biennale di Venezia.

Si aggiungono inoltre illustri nomi del mondo del design italiano – come Jacopo Foggini, Humberto Campana, Masanori Umeda, Marcello Zilliani e Sebastian Herkner, in connubio che assieme all’arte, si prospetta davvero eccellente per l’iniziativa.

info: Comitato Olimpico Nazionale