Art Basel è ancora regina delle fiere? Ecco il report 2024

Tra vendite milionarie e forte affluenza, si è conclusa anche questa edizione di Art Basel, con 250 rappresentanti di istituzioni e musei

L’edizione 2024 di Art Basel, conclusasi il 16 giugno scorso, si è – da vera regina – scrollata di dosso gli annunci catastrofici, registrando importanti vendite in tutti i settori del mercato e un numero record di visitatori. Gli anni passano, dato che la fiera è nata nel 1970, ma Art Basel ancora una volta non mostra nessun accenno di stanchezza, anzi: ci sono tutti i presupposti per tornare il prossimo anno, ancora con più sorprese. Tante gli appellativi che hanno accompagnato la fiera in questi oltre cinquant’anni: dal New York Times che la definisce “Olimpiade dell’arte”, al quotidiano parigino Le Monde come “la migliore del mondo“. E ancora una volta, le aspettative non sono state deluse.

La neodirettrice Maike Cruse ha dichiarato che la fiera «ha affermato ancora una volta la sua posizione di principale punto di incontro per il commercio d’arte globale» continuando che «la qualità e l’ambizione delle opere presentate quest’anno sono state a dir poco straordinarie e hanno incontrato un’eccezionale affluenza di collezionisti da tutto il mondo che ha portato a vendite eccellenti in tutto il mercato». Per molti, lo stand più bello è quello de La Pace Gallery, con il “sofà” di Jean Dubuffet a disposizione dei visitatori.

Tra le vendite più importanti 20 milioni per i Sunflowers di Joan Mitchell nello stand di David Zwirner e gli  Abstraktes Bild del 2016 di Gerhard Richter per 6 milioni di dollari. Al White Cube, Julie Mehretu con Untitled del 1999 arriva a $ 6,75 milioni, mentre alla Thaddaeus Ropac Robert Rauschenberg sfiora i $ 3,85 milioni. Record di vendite per la Hauser & Wirth, con un Untitled (Gray Drawing (Pastoral) di Arshile Gorky, realizzato tra il 1946 e il 1947 che tocca quota $ 16 milioni,  Sky with moon di Georgia O’Keeffe per $ 13,5 milioni e Orders di Philip Guston per $ 10 milioni. Anche l’italiana Galleria Continua non è da meno: vende un  Prussian Blue di Anish Kapoor del 2023 per $ 750.000 Color and Light di Michelangelo Pistoletto del 2021, per $ 320.000.

Una settimana insomma che come ribadito dalla direttrice Cruse è stata caratterizzata da «una vivace attività sia all’interno dei nostri padiglioni che in tutta Basilea, con un programma pubblico ampliato che ha attirato un’entusiastica partecipazione».

info: Fiera Basilea