L’arte contemporanea del mediterraneo: Alessandro Calizza in residenza in Algeria per rappresentare l’Italia nel progetto L’art De Rue

L’art De Rue - Mediterranean Artist Residence è il progetto di residenze d’artista organizzato dall’Agence Algerienne pour le Reysonnement Culturel (AARC) che prende luogo nella città algerina in occasione dei XIX giochi del mediterraneo

Paesi e continenti si incontrano in quell’eterno crocevia che è il mar Mediterraneo. Luogo di scambio e condivisione da millenni, il nostro mare diventa oggi un nuovo territorio di confronto per il panorama internazionale delle arti visive contemporanee, grazie al progetto L’art De Rue Mediterranean Artist Residence prodotto e realizzato da Agence Algerienne pour le Reysonnement Culturel (AARC). 

In occasione dei XIX giochi del mediterraneo, ospitati per la seconda volta in Algeria, a Oran viene realizzata una nuova serie di residenze d’artista. Nell’inedita iniziativa, realizzata per la prima volta sul suolo algerino, si vedono coinvolti 12 artisti e creativi che realizzano durante le due settimane dei giochi opere ispirate alla manifestazione sportiva e ai suoi temi su muri e palazzi della città. 

Tutte le opere nascono dal desiderio di riflettere sull’identità di un luogo, il Mediterraneo, che da sempre incarna il concetto di ospitalità. Le identità dei paesi che si affacciano sulle coste del Mare Nostrum portano ancora oggi avanti, anche nelle loro contemporanee contraddizioni, la stessa tendenza che ha accumulato i popoli che hanno solcato quelle onde e costituito la straordinaria ricchezza culturale che è nostro dovere conservare.

Grazie alla collaborazione tra AARC e Istituto di Cultura Italiano d’Algeria, l’artista scelto per rappresentante l’Italia è Alessandro Calizza che giunto in Algeria, assorbendo avidamente le atmosfere di Oran, si mette a lavoro per realizzare il suo intervento site specific sui muri della città. 

Nelle istallazioni realizzate sul posto gli artisti non lavorano solo individualmente ma anzi supportandosi reciprocamente, spesso operando a quattro o più mani, dando così spazio a un ancora più intenso scambio di stili e prospettive. L’unione delle forze spese sul campo testimonia quindi, non solo nei risultati ottenuti, ma nel concreto svolgimento dell’attività degli artisti il vero senso del progetto L’art De Rue – Mediterranean Artist Residence: nessun confine è davvero in grado di dividerci. 

Il presente di cui siamo protagonisti è il palcoscenico di grandi migrazioni, lasciare la propria casa per trovarne una migliore è il grande sogno di migliaia di donne e uomini che si privano di ogni bene per loro essenziale. L’apertura dei confini e l’accoglienza diventano in questo fondale temi essenziali e gli artisti residenti a Oran che attraverso il loro lavoro portano in alto un messaggio: la cultura è l’unico ponte che nessun muro potrà mai interrompere.

Artisti partecipanti alla residenza:

Merzouk Mohammed (Algeria) – Myriam Zeggat (Algeria) – Yahiaoui Fouad (Algeria) – Damien Paquiot (francia) – Alessandro Calizza (italia) – Karboua Ilyes (algeria) – Yassin & Sadok (Tunisia) – Harrachif Oussama (Algeria) – Amin Aitouche (Algeria) – Philipe Vandermandele (Francia) – Anis Djebli (Algeria) – La Main du peuple (Algeria)

Articoli correlati