Il Crocifisso di Dalì in mostra nel cuore della Capitale

L'esposizione del Cristo di Dalì a Roma fa parte di una rassegna speciale realizzata in attesa del Giubileo 2025

Per la prima volta in assoluto, il celebre dipinto Cristo di San Giovanni della Croce di Salvador Dalì e il suo modello, un disegno di San Giovanni della Croce, sono esposti insieme. Accade a Roma, dove in attesa del Giubileo 2025 è in corso una rassegna artistica dal titolo I Cieli Aperti. Terza esposizione del programma, Il Cristo di Dalì a Roma è stata allestita negli spazi della Chiesa di San Marcello al Corso ed è visitabile gratuitamente fino al 23 giugno 2024.

La mostra è l’occasione per mettere in relazione due opere mai esposte insieme prima d’ora, eppure in relazione tra loro. Dalì, infatti, ha dipinto il suo capolavoro Cristo di San Giovanni della Croce sulla base del disegno-reliquia del Cristo Crocifisso, un inchiostro su carta dello stesso San Giovanni della Croce che, secondo la tradizione, avrebbe tracciato lo schizzo dopo una rivelazione mistica. La prima esposta al Kelvingrove Art Gallery and Museum di Glasgow, la seconda conservata nel reliquario del santo al Monasterio de la Encarnación di Ávila in Spagna, tra le opere intercorre una relazione che oscilla tra arte e religione.

Il Cristo di Dalì a Roma intende celebrare non solo il dialogo che, oltre i confini di spazio e tempo, lega i due lavori, ma anche quello con il luogo che li ospita. La scelta della chiesa di San Marcello al Corso come sede dell’esposizione non è casuale, dato che la rassegna richiama la storia e il significato del Crocifisso custodito in essa. Terza tappa della rassegna Il Giubileo è cultura, la mostra apre dopo El Greco a Roma, esposta tra settembre e ottobre 2023 a Sant’Agnese in Agone, e 100 Presepi in Vaticano, tra dicembre 2023 e gennaio 2024.

info: iubilaeum2025.va