Piano per l’Arte Contemporanea: al via la quarta edizione

Il MiC investirà 3,5 milioni di euro nel Piano per l'Arte Contemporanea. La scadenza per la partecipazione è fissata al 23 aprile

In arrivo la quarta edizione del Piano per l’Arte Contemporanea (Pac), il bando che selezionerà nuovi progetti che abbiano come scopo l’acquisizione, la produzione e la valorizzazione di opere dell’arte e della creatività contemporanee destinate al patrimonio pubblico italiano. A lanciare l’iniziativa, la Direzione generale creatività contemporanea del Ministero della Cultura.

«Visto il positivo riscontro delle precedenti edizioni, il Pac si configura sempre di più come uno strumento strategico per l’ampliamento e la valorizzazione del patrimonio pubblico contemporaneo del nostro Paese, contribuendo ad arricchire l’offerta culturale con opere già realizzate o di nuova produzione», ha dichiarato il direttore generale Creatività contemporanea Angelo Piero Cappello. «Le arti visive contemporanee nella loro complessità – ha continuato – riflettono l’identità del nostro tempo: sostenere progetti di qualità in questo settore significa, quindi, preservare e arricchire questa identità, ma anche contribuire alla costruzione di una narrazione artistica contemporanea e alla formazione di una società più consapevole». Si pone sulla base di questi obiettivi la decisione di incrementare i fondi per il Pac 2024, per cui si investiranno complessivamente 3 milioni e mezzo di euro.

Il Piano per l’Arte Contemporanea 2024 si articola in tre ambiti di intervento. Il primo riguarda l’acquisizione di opere realizzate negli ultimi 70 anni e di collezioni o archivi legati all’arte e alla creatività contemporanee, mentre il secondo e il terzo si riferiscono rispettivamente alla produzione di nuove opere e a progetti di valorizzazione di donazioni. Attraverso questa tripartizione, il Pac 2024 «supporta e incoraggia la qualità e la continuità dell’incremento delle collezioni pubbliche d’arte contemporanea, oltre che tramite il finanziamento di acquisizioni di opere, collezioni e archivi legati al contemporaneo, anche attraverso il sostegno alla produzione di innovativi progetti artistici e alla valorizzazione di donazioni già ricevute dai luoghi della cultura di appartenenza pubblica».

Un’edizione ancora più articolata delle precedenti, quella del Pac 2024, a cui potranno presentare domanda di partecipazione tutti i musei e i luoghi della cultura pubblici italiani, compresi quelli dotati di autonomia organizzativa e di bilancio, anche costituiti in forma di fondazione, istituzione e azienda speciale, purché dotati di una collezione pubblica a cui destinare le acquisizioni e le produzioni realizzate, così anche i soggetti privati senza scopo di lucro gestori dei luoghi della cultura di appartenenza pubblica.

La domanda di partecipazione consisterà in una proposta di programmazione da parte dell’ente, a medio e lungo termine, nel campo dell’arte e della creatività contemporanee. I progetti dovranno essere trasmessi esclusivamente attraverso il Portale Bandi della Direzione generale creatività contemporanea entro il 23 aprile 2024, alle ore 12.00. Le altre tempistiche del concorso verranno comunicate a partire dal 5 marzo 2024 nella pagina web di riferimento.

Articoli correlati