Talent Prize 2021, la mostra, l’evento, l’allestimento.

Roma

Sabato 13 novembre ha inaugurato la mostra del Talent Prize 2021 al Museo delle Mura a Roma (la mostra, a cura di Elena Pagnotta e Fabrizia Carabelli, è visibile fino al 28 novembre). Come di consueto l’evento è stato l’occasione per vedere le opere degli artisti selezionati, dalla vincitrice dell’edizione 2021 Lucia Cantò, con la sua installazione Atti certi per corpi fragili, ai finalisti, fino ai Premi speciali, e per incontrare appassionati, curatori, galleristi e artisti della scena contemporanea romana.

Fino al 28 novembre dalle 9 alle 14, compresi il sabato e la domenica, è possibile visitare la mostra del Talent Prize 2021 (lunedì chiuso). Oltre alla vincitrice sono in mostra Irene Coppola (secondo posto) con l’installazione Schegge, Azzedine Saleck (terzo posto) con la scultura Long Distance, Riccardo Banfi (Let’s dance/ Hand (riot), Gianluca Brando (qo), Giovanni Chiamenti (Chimera), Gaia De Megni (Il mito dell’eroe) Federica Di Pietrantonio (You had me at hello),  Marcello Spada (Clunked Elena Tortia (miscrivo). I Premi speciali, inoltre, sono la già citata Irene Coppola, che oltre a essere stata selezionata dalla giuria è stata anche designata per il Premio speciale Emmanuele Emanuele, Max Mondini con l’opera Pennacchio (Premio Speciale Fondazione Cultura e Arte – Emergenti) e Shenghao Mi con l’opera Midnight cowboy (Premio Speciale Fondazione Cultura e Arte – Internazionale), Silvia Bigi, con urtümliches Bild, per il Premio speciale UTOPIA, società leader in Italia nell’attività integrata di public affairs e comunicazione d’impresa, Gianni Politi con Pieno di certezze e pieno di dubbi, per il Premio speciale Inside Art, ed Edoardo Manzoni, con Colpo di vento (Argo maggiore) per il Premio speciale Fondamenta.

Foto del Talent Prize 2021 a cura di Eleonora Cerri Pecorella