“Tra cielo e terra”: a Palermo un’installazione di Claire Fontaine ispirata al culto di Santa Rosalia

"Tra cielo e terra" è stata commissionata dal Riso di Palermo in occasione dei 400 anni dal ritrovamento delle reliquie di Santa Rosalia

Una nuova installazione site-specific ha preso posto negli spazi di Riso – Museo regionale d’arte moderna e contemporanea di Palermo. Si tratta di Tra cielo e terra ed è il nuovo lavoro firmato Claire Fontaine, commissionato al duo artistico dal museo stesso in occasione dei 400 anni dal ritrovamento delle reliquie della Santa patrona di Palermo. L’opera, il cui titolo è ispirato al saggio di Sara Cabibbo, Santa Rosalia tra terra e cielo (Sellerio 2004), associa il culto della vergine taumaturga, portatrice di salute e di luce dopo la peste, all’emoji del sole (A Brighter Tomorrow, 2024), che il collettivo ha concepito per questa occasione, e quello del fuoco (On Fire, 2023).

L’opera sarà svelata mercoledì 10 luglio alle ore 19.30, ma Claire Fontaine sarà presente al Riso a partire dalle ore 18 per una conversazione con la direttrice del Museo Evelina De Castro e Anita Chari, autrice del libro A User’s Manual to Claire Fontaine (Lenz Press 2024). A moderare l’incontro con Claire Fontaine a Palermo, dove il collettivo ha stabilito il proprio atelier nel 2017, sarà Valentina Bruschi, curatrice del progetto espositivo.

Con la materializzazione nello spazio fisico di due immagini “ready-made” in genere impiagate su un piano digitale e relazionale, Claire Fontaine vuole coinvolgere lo spettatore in un dialogo visivo immediato e universale, invitando a stabilire un nuovo rapporto col tema di Santa Rosalia, il cui nome e immagine sono saldamente legati alla città di Palermo. Attraverso un linguaggio simbolico e universale, il duo mostra l’intenzione di creare un ponte tra tradizione e modernità, in cui i nuovi segni visivi diventano strumenti per riflettere sulle emozioni e sui sentimenti legati al culto dei santi: la speranza, la passione e il bisogno di proiettarsi in un futuro radioso.

«A Brighter Tomorrow (2024) – ha dichiarato la direttrice di Riso-Museo regionale d’arte moderna e contemporanea, Evelina De Castro – entra a far parte della collezione permanente del Museo. L’opera è inedita, ideata da Claire Fontaine per il museo Riso che è il luogo dove si incontrano e si riconoscono le immagini della memoria del secolo breve e quelle delle emozioni e aspirazioni del presente, individuale e collettivo. Gli emoji tridimensionali, come grandi installazioni che emanano luce, sono pensati da Claire Fontaine per rileggere in chiave contemporanea il culto di Santa Rosalia, patrona di Palermo. Fra Rosalia e Palermo vi è un nesso potente fatto di immagini e di parole che esprimono amore e speranza, che le sculture luminose di Claire Fontaine trasmettono a tutti». 

L’installazione Tra cielo e terra sarà visibile dalla strada di giorno e di notte. L’opera si trova infatti nelle vetrine di Riso – Museo regionale d’arte moderna e contemporanea, che si affacciano sul Cassaro. In particolare, dopo l’inaugurazione del 10 luglio, nella serata del 14 il carro processionale del Festino, dedicato alla patrona della città, sfilerà davanti alle sculture, suggellando il nesso visuale ed emotivo universale. In più, l’evento è previsto in questo che è l’anno giubilare Rosaliano, quarto centenario del rinvenimento delle spoglie mortali di Santa Rosalia sul Monte Pellegrino e della liberazione della città dal flagello della peste. La mostra terminerà il 4 settembre.

Articoli correlati