Alice Guareschi, al PAC di Milano «un’esplosione di energia»

"Je m'appelle Olympia" è l'installazione site-specific di Alice Guareschi, composta da 16 scatti luminosi «nella sospensione narrativa di uno spazio-tempo presente»

Nella Project Room del PAC – Padiglione d’Arte Contemporanea di Milano, troverà spazio fino al 15 settembre 2024, la nuova installazione realizzata da Alice Guareschi. Il progetto artistico abilmente catturato nelle foto, narra dell’azione per luci di sala eseguita dall’artista una volta sola, per un pubblico scelto di invitati, il 12 aprile 2012 all’Olympia Music Hall, l’iconico e leggendario teatro parigino.

Le fotografie scattate sono 16, realizzate nel medesimo giorno: catturano l’esatto momento di attivazione della coreografia luminosa nello spazio vuoto del teatro, che ha coinvolto e dialogato con parte dell’architettura presente. Con inquadratura fissa, simile ma non identica, le immagini riescono a restituire una sequenza di diversi movimenti di luce all’interno della sala. La durata dell’azione viene così visivamente scomposta in vari fotogrammi, che acquisiscono senso anche se visualizzati singolarmente.

Un episodio, quello parigino, che ha sensibilmente colpito Alice Guareschi, «come un’esplosione di energia accumulata nel corso degli anni, come la rivelazione inaspettata di una vita segreta che riguarda soltanto l’edificio. Qualche mese fa, quando mi sono ritrovata per la prima volta all’Olympia per un concerto, sono rimasta profondamente colpita dalla meraviglia silenziosa delle luci in relazione alla monumentalità in qualche modo romantica, segnata dal tempo e le sue storie, del teatro. A un punto tale che la musica è diventata un elemento quasi superfluo per me». In occasione della mostra, in collaborazione con il Cinema Beltrade di Milano, l’artista realizzerà extra-muros un’azione performativa inedita e sonora, Live à l’Olympia.

Dal 26 giugno al 15 settembre 2024
PAC, Padiglione d’Arte Contemporanea Milano, via Palestro 14
info: PAC Milano

Articoli correlati