Soho House, il club esclusivo per creativi apre anche a Milano

La nuova sede di Soho House a Milano sarà la numero 44 ad essere inaugurata e prenderà posto negli spazi dell'ex Cinema delle Arti

Istituzione internazionale da quasi trent’anni, Soho House approda anche a Milano, dove aprirà la sede numero 44, ma la seconda italiana. La catena di hotel, che è anche un club su sottoscrizione per i creativi di tutto il mondo, ha infatti aperto a Roma nell’ottobre del 2021 nel quartiere di San Lorenzo, mentre la sede milanese prenderà posto tra Piazza San Babila e Corso Indipendenza, collocandosi vicino a Montenapoleone negli spazi dell’ex Cinema delle Arti.

«Trovare il posto giusto per i nostri membri è una decisione davvero importante e abbiamo preso in considerazione diverse opzioni prima di poter confermare che Soho House Milano aprirà in un luogo fantastico nel futuro prossimo». Questa la dichiarazione di Dominique Bellas di Cities Without Houses, associazione che riunisce i creativi attraverso eventi ed esperienze in città e in tutto il mondo. E che con questo nuovo progetto milanese aprirà di Milano sta per aprire la House numero 44 al mondo.

L’edificio che ospiterà la nuova Soho House ha una lunga storia. Costruito negli anni Trenta sulla base del progetto di Mario Cereghini, la struttura di sei piani era in origine la sede dell’associazione fascista per i giovani, l’Opera Nazionale Balilla. Successivamente l’edificio aveva ospitato il cinema Arti, che negli anni Ottanta sarebbe diventato Nuovo Arti, specializzato in film per ragazzi, per poi trasformarsi in tempi più recenti in una palestra di boxe. Ora nuova sede del club esclusivo per creativi, l’edificio razionalista avrà spazi per i soci in cui mangiare, bere e ritrovarsi, un cortile, una terrazza sul tetto, una piscina, una palestra e più di 50 camere da letto, con interni che coniugheranno lo stile architettonico della struttura con Gli interni avvicineranno lo stile razionalista dell’edificio all’artigianato italiano.

Nello spazio, che avrà un costo di iscrizione pari a 192 euro al mese, ma a cui si potrà accedere tramite la conoscenza di un altro socio, si svolgeranno dibattiti, incontri ed eventi con cui sviluppare la creatività. In più, quest’ultima sarà tutelata da due regole da rispettare che riguardano il cellulare: non si scattano fotografie all’interno e le telefonate sono possibili solo in appositi spazi. Perciò, lo spazio offrirà le condizioni ottimali per produrre.