Chiara Bertola nominata nuova direttrice della GAM di Torino

Da Venezia a Torino, Chiara Bertola avrà il compito di rilanciare la GAM, prima galleria civica nata in Italia

Proprio con la Torino Art Week in corso arriva la nomina della nuova direttrice della GAM, la Galleria di Arte Moderna e Contemporanea della città piemontese. In un percorso votato al panorama artistico di Venezia, Chiara Bertola prosegue la sua carriera prendendo le redini della galleria piemontese.

«Desidero ringraziare la Fondazione Torino Musei della fiducia accordatami nell’avermi voluta come nuova direttrice della GAM – ha dichiarato la neo-direttrice –, un’istituzione che rappresenta un’eredità culturale importante da sottolineare, accendere e riattivare con vitalità e uno sguardo rivolto al futuro, facendo emergere interpretazioni insolite. Assumo questo incarico consapevole della responsabilità del ruolo e onorata di portare avanti la storia della GAM e il lavoro di chi mi ha preceduto».

Chiara Bertola prende ora il posto dell’ormai ex-direttore Riccardo Passoni, che andrà in pensione, e assume l’incarico di condurre la galleria piemontese in un percorso di rilancio anche strutturale. Per i lavori di ristrutturazione la galleria attende infatti i finanziamenti del Ministero della Cultura.

Scelta da una commissione composta da Sylvain Bellenger – direttore del Museo di Capodimonte –, Elena Filipovic – direttrice del Kunstmuseum Basel –, Lorenzo Giusti – direttore della Gamec di Bergamo –, Chiara Parisi – direttrice del Centre Pompidou-Metz – e Alberto Salvadori – direttore Ica Milano –, la nuova direttrice ha in lungo curriculum alle spalle. Classe 1961, Chiara Bertola è curatrice da più di vent’anni del progetto Conservare il futuro della Fondazione Querini Stampalia di Venezia e autrice del libro omonimo dedicato all’esperienza, pubblicato da Bruno editore.

Una carriera costruita soprattutto nella città veneta. Dal 1996 al 1998 Bertola è stata infatti Presidente della Fondazione Bevilacqua La Masa di Venezia, ma anche socia fondatrice dal 2014 della Venice Gardens Foundation di Venezia e ideatrice e fondatrice del Premio FURLA per i giovani artisti italiani dal 2000 al 2015, oltre alle altre esperienze sulla scena nazionale. L’approdo a Torino arriva quindi dopo un lungo curriculum, che vanta anche curatela del Progetto Ars Aevi per la costituzione del Nuovo Museo di Arte Contemporanea di Sarajevo.