Dreamscape, l’installazione immersiva di Eva Frapiccini che ci porta nel mondo dei sogni

L'opera, prodotta da AlbumArte e parte di un progetto di ricerca internazionale, è ospitata al Polo del ‘900 di Torino

Un’immersione in un flusso sonoro per interagire con i sogni degli altri facendo i conti con i nostri, di sogni. Si chiama Dreamscape l’installazione sonora immersiva di Eva Frapiccini, artista multimediale e ricercatrice particolarmente interessata al rapporto fra memoria, potere e cambiamenti socio-politici.

L’opera, realizzata con la curatela di Paola Ugolini e prodotta daAlbumArte, verrà ospitata dal 9 al 24 maggio al Polo del ‘900 di Torino per poi spostarsi dal 7 al 12 giugno al Museo Madre di Napoli e dal 6 al 16 luglio alla Fondazione per la Cultura-Palazzo Ducale a Genova.

Dopo la precedente installazione audiovideo Dust of Dreams presentata nel 2022, Dreamscape è il secondo approdo di un progetto di ricerca internazionale sviluppato da Eva Frapiccini lungo il corso di ben undici anni dal titolo Dreams’ Time Capsule: dal 2011 al 2022 l’artista ha raccolto e registrato all’interno di una capsula itinerante il racconto dei propri sogni da parte di migliaia di individui provenienti da tutto il mondo, facendo emergere alcuni temi ricorrenti, parole chiave, archetipi. «Lo scopo dell’archiviazione – ha spiegato l’artista – era di realizzare un lavoro utopico, raggiungere le persone in diverse parti del mondo per registrare i loro sogni notturni, per capire se ci fossero delle immagini comuni, testando l’inconscio collettivo junghiano».

Un progetto di ricerca che si è tradotto prima nell’installazione video del 2022, cui è seguita anche una versione performativa e adesso in un’installazione sonora immersiva e interattiva che mette al centro della scena il pubblico pronto a (ri)scoprire e a (ri)percorrere le voci che costituiscono l’archivio dei sogni, secondo quella riflessione sul ruolo dello spettatore che, nell’era digitale, è anche creatore di contenuti, altro tema ricorrente nella ricerca artistica di Eva Frapiccini.

Fra penombra e strutture luminose, la drammaturgia sonora della sound artist Sara Berts e i sistemi interattivi sviluppati da Emanuele Lauriola, Dreamscape sposta così l’attenzione da una visione a distanza a un’esperienza partecipativa live, in cui diventa fondamentale la relazione fra fisicità, opera artistica e spazio espositivo.

Articoli correlati