A Venezia è apparso un cubo d’oro da 10 milioni di euro, di che si tratta

Sulle rive della Serenissima un oggetto misterioso sta monopolizzando l’attenzione del pubblico della Biennale, un installazione d’arte o forse qualcos’altro?

È d’oro puro il cubo che in queste ore sta facendo rimanere di stucco i passanti sulle calle della Serenissima. Nella seconda giornata di preview della 59.mostra internazionale d’arte un cubo di di 186 chilogrammi di oro fino, 24 carati, 999,9 (purezza) è stato installato sulla Riva Ca’ di Dio, vicino all’Arsenale. «Il CUBO è un’opera concettuale che sembra essere arrivata da un altro mondo ed è ora in piedi sui ciottoli di Venezia, senza piedistallo», ha commentato lo storico dell’arte Dieter Buchhart. «Un lavoro pioneristico» lo definisce l’artista.

Venezia

Non serve molto tempo per rendersi conto che l’oggetto è in realtà un opera d’arte, posta sotto gli occhi dell’incredulo pubblico di Venezia dall’artista Niclas Castello che attraverso tale gesto riesce a dare vita a quello che ha tutta l’aria di sembrare un happening. L’opera arrivata questa mattina sul posto, trasportata su un’imbarcazione da Castello, viene installata priva di qualsiasi sostegno. Il cubo d’oro poggia direttamente sulla strada, tale scelta non è casuale: l’opera interagisce con lo spazio circostante nella consapevolezza della sua estraneità a quest’ultimo. Nonostante tutto però va a crearsi un legame tra l’oggetto e il luogo, in quanto residui del piano su cui il Castello Cube poggia, rimangono intrappolati sulla sua superficie. 

L’opera rimane in esposizione nella serenissima solo per 24 ore, sotto il vigile sguardo di sette guardie giurate, responsabili della sua sicurezza.  Nonostante il suo valore non sia inferiore ai 10 milioni di euro, l’artista ha già affermato che l’opera non è destinata alla vendita: in realtà la sua funzione, come lo stesso Castello chiarisce, era quella di essere un veicolo di lancio per l’ultimo NFT dell’artista, annunciato nel Central Park di New York lo scorso febbraio.

Il Castello Cube si presenta come una struttura cava, morbida al tatto, sulla cui superficie restano impresse anche le impronte delle dita dei curiosi che, invitati dall’artista, non si tirano indietro nel “toccare con mano” una vera e propria opera d’arte concettuale.