ACE – Micro Museum Experience: un progetto artistico indipendente che punta alla rivalutazione delle aree verdi pubbliche della Capitale

Roma

L’essere umano nasce come animale sociale. 

Questo è scritto nelle pagine della Politica di Aristotele. Il filosofo greco fa riferimento a quell’impulso di condivisione della propria esperienza, il quale rimane impossibile da frenare per ogni donna e ogni uomo. Condividere e creare qualcosa attraverso l’ispirazione donata dal confronto con il prossimo è vera linfa vitale del quotidiano. 

Una delle più affascinanti facoltà che l’arte può permettersi di vantare è quella di saper educare. La creatività è in particolar modo presente nella vita dell’essere umano durante l’infanzia e le capacità inventive in questa fase della vita coinvolgono ogni senso dell’individuo, in maniera ancora più amplificata rispetto all’età adulta. 

Il gioco si fa arte, l’arte si fa gioco. Il progetto ACE – Micro Museum experience si prefigge l’obbiettivo di stimolare un processo educativo, attraverso la bellezza e l’intrigazione dei giovani e meno giovani, capace di guidarli ad una migliore integrazione in una società ecosostenibile.

Un impegno civico è quello che si può rintracciare nell’iniziativa che si svolgerà durante quattro weekend di ottobre: il desiderio del collettivo curatoriale è proprio quello di far arrivare l’arte contemporanea nell’area pubblica e solo in seguito invitare a contemplarla all’intento della galleria.

Al concludersi del tour organizzato in quattro diverse location, in cui gli avventori saranno invitati a cimentarsi nella produzione di opere d’arte sotto la supervisione degli artisti Arianna de Nicola, Ivo Còtani, Flavio Orlando e Marco Emmanuele (ndr, autore della copertina #121 della nostra rivista) tutte le produzioni saranno archiviate e conservate. Il 3 dicembre 2021 si potrà osservarle raccolte nello spazio espositivo Fondamenta insieme ad alcuni lavori degli artisti partecipanti alle giornate dell’iniziativa.

L’inclusione di un pubblico eterogeneo cerca di dare nuovo slancio alla cultura del presente rendendola agevole per tutti, senza distinzioni di ceto o di età.

Il carattere sociale dell’iniziativa si rintraccia ancora nella scelta di non basare il suo sostentamento su alcuna sponsorizzazione da parte di partner affiliati. L’unica fonte finanziaria accettata è quella del pubblico e degli appassionati d’arte che sono stati invitati a sostenere liberamente ACE – Micro Museum experience con i mezzi a loro disposizione. 

L’arte si fa ancora una volta strumento didattico, portale attraverso cui imparare a convivere e trattare con grazia il mondo, l’ambiente, il prossimo e se stessi.

Il forte interesse delle nuove generazioni rispetto la conservazione del patrimonio naturalistico dimostra uno sviluppo della sensibilità che deve necessariamente essere tramandato a coloro che erediteranno il mondo del domani e la sfida di  ACE – Micro Museum experience è quella di stimolare tale processo attraverso la creatività e il gioco.

Questi sono gli appuntamenti del Micro Museum Tour:

2-3 ottobre 2021 Orto botanico, con l’artista Arianna De Nicola 

9-10 ottobre 2021 Oasi WWF di Macchiagrande, con l’artista Ivo Cotani  

16-17 ottobre 2021 Green Market Festival, con l’artista Flavio Orlando 

23-24 ottobre 2021 Explora, il Museo dei bambini di Roma, con l’artista Marco Emmanuele 

Articoli correlati