Ultimora

Emmanuele Emanuele: «Senza privati, a rischio il mercato dell’arte»

Emmanuele Emanuele è stato intervistato dal sito del quotidiano il Tempo, il direttore della fondazione Roma esprime i suoi pensieri riguardo la mecenatismo artistico e l’importanza che rivestono i privati in questo campo soprattutto in Italia: «Il mecenatismo? È come le lobby: cioè le cose normali negli altri Paesi da noi sembrano impossibili o da guardare con sospetto. Eppure in Italia c’è un problema grave: senza i privati il nostro patrimonio artistico è a rischio». E poi così sull’Europa: «L’Europa è l’unica àncora di salvezza tra il colosso americano e il rampante Oriente, ma l’Europa dei padri costituenti, quella in cui credettero uomini come Alcide De Gasperi. Non dunque questa Ue germanocentrica con caratteristiche diverse per ogni Stato: la diversa identità fa sì che non abbiamo una politica economica, militare, culturale comunitaria. Siamo uniti soltanto dal libero scambio e da una moneta i cui problemi non si risolvono con le urla di Grillo ma con soluzioni alternative». Insomma il padre della fondazione Roma conferma le sue classiche posizioni, presenti anche nella nostra intervista.

Commenti