“Che cosa vogliono le donne?”. Il titolo della personale di Lucchini

Che cosa vogliono le donne? è il titolo della nuova mostra artistica di Fabio Lucchini all'Arsenale Space a Venezia

Che cosa vogliono le donne? Il titolo della personale di Flavio Lucchini, “What women want?” all’Arsenale space (riva San Biagio, Venezia) fino al 27 novembre propone un’intrigante carrellata di immagini femminili sotto il burqa afgano.

Invitato alla Biennale nel padiglione Italia curato da Vittorio Sgarbi – ed è proprio questa la cornice della mostra – Lucchini si cimenta con l’iconografia mediorientale proponendo una serie di volti per riflettere sul misticismo e sul fanatismo dei tempi moderni. Donne che desiderano fortemente esprimere sé stesse, sguardi velati per le ironiche cover di riviste di moda e spettacolo (da Vogue a Newsweek) oppure per i poster in versione “street art”.

«Lucchini conosce le pieghe che corrono sull’invisibile linea di demarcazione tra la vita di ogni giorno e il fantastico regno della moda, dove i nostri sogni più intimi sono programmati», spiega il curatore Alan Jones nel testo che accompagna la personale, aggiungendo che «l’arte contemporanea mira ad avvicinare l’opera al mondo reale, tanto che a volte diventa impossibile dire dove finisce l’arte e dove inizia il mondo». A fargli eco lo stesso Lucchini, che afferma: «I miei burqa sono i fantasmi di un passato che vive ancora oggi e sembra non progredire mai». L’artista osserva queste donne avvolte nel mistero, che sotto le fitte coltri azzurre o nere, a prima vista tutte uguali, non perdono la loro individualità, il loro essere celate e al contempo negate. Grandi opere digitali, quelle in esposizione, dove il pennello chiede il cambio al mouse; così l’unicità del gesto diventa complice della serialità tecnologica in una costruttiva contaminazione.

Info: www.flaviolucchiniart.com