Berlino, al Kolbe museum il jukebox di Aldo Runfola

Jukebox. Uno degli strumenti più diffusi per ascoltare musica negli Stati Uniti degli anni Quaranta, Cinquanta e Sessanta, da oggi è anche il titolo di una performance artistico-musicale. Andata in scena, per la precisione, al Georg Kolbe museum di Berlino lo scorso 18 gennaio, dove l’artista siciliano Aldo Runfola ha “incontrato” in una sintesi artistica di altissimo livello il pianista Cristian Niculescu, di origine romena ma berlinese d’adozione. La perfomance è partita da un ribaltamento delle convenzioni: normalmente un musicista è visibile al pubblico che lo ascolta, mentre in Jukebox una “gabbia” in filigrana ornamentale (splendida creazione dell’artista) lo nasconde alla vista del pubblico, lo separa lasciando passare solo le sue note. Egli si ritira dietro la musica che si fonde con la scultura, rendendo l’intera sala un’opera d’arte sonora. In sottofondo, o in primo piano a seconda delle percezioni, brani scelti con grande attenzione fra i quali, tra gli altri, "Suite for toy piano" di John Cage, Musica ricercata di Györgi Ligeti, "Metamorphosis three" di Philip Glass e tre preludi di Claude Debussy. Info: www.georg-kolbe-museum.de. (Elida Sergi)