Festarte festival, mostra e premiazione

Dal 15 al 18 settembre va in scena alla Pelanda di Roma la mostra con le opere finaliste del concorso Festarte Videoart Festival, prodotto da Federculture e realizzato dall’associazione culturale Festarte. Il tema dell’esposizione è Violenza invisibile privata, pubblica, sociale. Quattro giorni dedicati alla scena della videoarte internazionale e di ricerca, con momenti di discussione e una
programmazione artistica che spazia alla performance e ai dj set. Oltre 500 artisti provenienti da 60 paesi del mondo hanno partecipato al concorso. Numeri significativi per un contenuto complesso e importante: una conferma della diffusione e utilizzo della videoarte oggi, delle sue potenzialità espressive e facilità divulgative, anche in ragione di un pubblico sempre più numeroso. Di forte presa, l’originale tema Violenza invisibile, privata, pubblica, sociale ha stimolato lavori concepiti ad hoc e, in alcuni casi, ha portato gli artisti a condividere esperienze proprie, sentendo l’esigenza di accompagnare i video con riflessioni intime. In mostra, opere sulla censura dei media, l’anaffettività materna, le relazioni familiari, il rapporto uomo-donna e quello amicale, l’identità sociale, le apparenti normalità, la prigionia di leggi e veti opere di denuncia, sarcastiche e pungenti, metaforiche e oniriche, provenienti da Canada, Cina, Cuba, Germania, Grecia, Inghilterra, Iran, Italia, Messico, Romania, Spagna, Ungheria, Usa e Svezia. Durante il festival le opere saranno in mostra divise in tre categorie: In Ccncorso; Selezionate/Fuori concorso; Menzioni speciali e all’esposizione si affiancherà un nutrito programma di iniziative: aperitif talk con esperti della video arte, curatori e artisti, interventi performativi, performance audio/video e dj set. Sabato 18 il Festival si concluderà con una grande soirée, festa di Premiazione delle opere in mostra, selezionate da 7 curatori d’arte coadiuvati dal direttore artistico Lorena Benatti; a loro spetterà decretare il Premio della critica del valore di 1.000 euro, mentre la giuria internazionale, composta da professionisti del settore, assegnerà il primo premio del valore di 3.500 euro al migliore video in concorso. Verrà, inoltre, assegnato un premio di 500 euro al video più votato dal pubblico durante i giorni della manifestazione. Corollario della mostra sarà lo spazio dedicato al noto artista olandese Erwin Olaf con due sue opere video: "Dusk" (2009) e "Dawn" (2010), per gentile concessione del "Netherlands media art institute".