Trieste, lo strano caso dello scrittore copione

Pubblicava romanzi, saggi di estetica e filosofia per le edizioni Campanotto e Mimesis, peccato che erano copiati. Fabio Filipuzzi, ingegnere e imprenditore con la passione per la cultura, aveva pubblicato sei libri in quattro anni ed era diventato anche vicedirettore editoriale della casa editrice Mimesis. La notizia è apparsa oggi sul quotidiano Il Piccolo di Trieste, che riferisce che gli scrittori copiati da Filipuzzi vanno da Paul Auster a Josephine Hart, da Alain Elkann a Peter Handke, per citarne solo alcuni.