Il British Museum lavora per restaurare “Epifania”, disegno di Michelangelo del XVI secolo

I lavori di restauro erano iniziati nel 2018 e poi interrotti dalla pandemia. L'opera è uno dei due soli cartoni esistenti del maestro italiano

È uno degli unici due cartoni di Michelangelo sopravvissuti al tempo e sottoposto a delicati lavori di conservazione al British Museum nel tentativo di stabilizzarlo per i prossimi decenni. Epifania, creata dal maestro italiano intorno al 1550, è stata degradata ed è stata oggetto di ripetute riparazioni nel corso dei suoi quasi 500 anni di storia. Ora è allestito negli studi di conservazione del museo inglese mentre gli specialisti valutano il modo migliore per preservare la struttura e le linee di gesso nero.

I lavori di conservazione erano iniziati nel 2018, ma poi subito interrotti dalla pandemia. La stima della chiusura del restauro è maggio 2024, quando il disegno tornerà in mostra come parte della collezione permanente del museo.
«Michelangelo fu uno dei grandi disegnatori del XVI secolo. Ha lavorato fino ai suoi 80 anni, ma ha lasciato solo 600 disegni alle spalle, un numero sorprendentemente piccolo data la sua lunga carriera – ha affermato Emma Turner, conservatrice senior del British Museum – è noto per aver bruciato alcuni dei suoi disegni nel suo studio prima della sua morte perché non voleva rivelare i suoi metodi di lavoro». Il cartone – un disegno preparatorio per un’opera finita – è stato realizzato per Ascanio Condivi, considerato un artista mediocre ma noto ai più come biografo di Michelangelo. Ventisei fogli di carta, fatti di cotone, canapa e lino, sovrapposti e incollati insieme con pasta di farina per creare una distesa di 2,32 metri per 1,65. «Ci sono linee ben eseguite, e ci sono anche tratteggi, tratteggi incrociati e alcune sfumature. E sebbene sia principalmente eseguito con il gesso nero, fa anche uso del carbone», ha spiegato Turner.

Il cartone era nello studio di Michelangelo al momento della sua morte. Rimase in Italia fino alla fine del XVIII secolo, per poi viaggiare in Inghilterra, nei Paesi Bassi e di nuovo in Inghilterra. Fu acquisita dal British Museum nel 1895. Nel corso dei secoli ci sono state «molte riparazioni e rattoppi», ha detto Turner. Ad un certo punto, sembra che il cartone fosse foderato con un tessuto e dal diciannovesimo secolo un rivestimento di carta marrone ha supportato il lavoro, attaccato a un pannello di pino, ora rimosso.
Turner e i suoi colleghi stanno valutando le possibili linee d’azione per stabilizzare Epifania, utilizzando anche l’RTI, un metodo fotografico che rivela informazioni sulla superficie, invisibili a un normale esame. «Stiamo esaminando criticamente le opzioni disponibili per stabilire la soluzione migliore in questo momento. In futuro, potrebbe esserci un’opzione migliore», ha affermato Turner.

Articoli correlati