Fuori dalla Nuvola. A fine fiera, un bilancio della seconda edizione

Si conclude la seconda edizione di Arte in Nuvola con oltre 36.000 visitatori, bilancio che sancisce il ritorno della Capitale nel panorama fieristico nazionale

Arte in Nuvola si è ormai conclusa e, sgomberati gli stand, si raccoglie il risultato: con oltre 36.000 visitatori, la fiera ideata e diretta da Alessandro Nicosia con la curatela artistica di Adriana Polveroni, ha registrato un forte incremento di pubblico rispetto alla prima edizione. 
Un bilancio più che positivo che sancisce il grande potenziale di Roma, come contenitore di rilevanza nazionale e internazionale dell’arte contemporanea dopo diversi anni di assenza nel panorama fieristico.

«Lo straordinario risultato di questa seconda edizione – dichiara Nicosia – ci dimostra che la strada è ormai tracciata e ci conferma che la grande scommessa intrapresa lo scorso anno è stata vinta. Roma Arte in Nuvola, con la sua proposta artistica di alta qualità e di ampio respiro, è oggi una manifestazione in grado di assecondare la ‘personalità artistica’ della Capitale, nonché quella del Centro e del Sud d’Italia, amplificandone l’identità ben oltre i confini nazionali. La grande affluenza di pubblico che ha caratterizzato i quattro giorni della manifestazione, con più di 16.000 presenze registrate nell’ultima giornata, malgrado le difficoltà della domenica ecologica, è per noi motivo di grande orgoglio: una grande festa dell’arte dedicata al grande pubblico, dai semplici curiosi alle famiglie fino ai tanti giovani che hanno manifestato apprezzamento e sentita partecipazione». 
Non solo collezionisti e addetti ai lavori, quindi, ma anche un pubblico più ampio in linea con la vocazione inclusiva e multidisciplinare della fiera. Le 140 gallerie partecipanti hanno contribuito ad arricchire la proposta artistico-culturale con più di 15 progetti speciali, tra grandi mostre, installazioni, performance e talk.

stand Paese ospite, Ucraina

Anche quest’anno sono stati assegnati ben quattro premi agli stand che si sono distinti per cura e originalità dei propri allestimenti. Ad aggiudicarsi il premio The Best, in ex aequo, la Galleria Alberta Pane (Venezia, Parigi) e la galleria Richard Saltoun (Londra, Roma) per la miglior presentazione dei rispettivi artisti, rimarcando la responsabilità ed il piacere per una galleria nel presentare nel modo migliore un esponente di punta della propria scuderia. Il premio Young – offerto dalla Regione Lazio per incentivare e valorizzare i giovani artisti under 35, nati o che lavorano nel Lazio, va alla Galleria Benappi di Torino con l’artista Guendalina Urbani. E ancora, il premio Rock assegnato alla galleria NM Contemporary (Monaco) per la presentazione più originale dello stand e, infine, il premio Absolute Modern vinto dalla Galleria ED di Piacenza per il miglior allestimento fra le gallerie di Arte Moderna, sfatando il luogo comune della minor attenzione riservata da questa tipologia di gallerie rispetto al mondo del contemporaneo.

Romina De Novellis, La Pecora, 2013. Courtesy Galleria Alberta Pane

Articoli correlati