Durante le elezioni USA di Midterm spunta il muro dei bugiardi e dei negazionisti di Phil Buehler

Gemello del Wall of Lies del 2020, The Wall of Liars and Deniers raccoglie tutte le bugie di Trump e dei nuovi candidati alle Midterm 2022

L’America è tornata a votare per le elezioni di midterm, così chiamate perché arrivano a metà del mandato del Presidente, e a Brooklyn viene fuori, uno striscione lungo 50 piedi chiamato Wall of Liars and Deniers, incentrato sulla “grande bugia” di Donald Trump secondo cui le elezioni presidenziali del 2020 siano state rubate.
Realizzato dall’artista Phil Buehler, il muro è composto dalle decine di migliaia di bugie che Donald Trump ha dichiarato da quando è stato eletto presidente, ma non solo, anche quelle rilasciate da 300 ex funzionari dell’amministrazione Trump, candidati oggi alle elezioni midterm 2022 e altri che hanno promosso la “grande bugia”. «È davvero corrosivo per il nostro sistema democratico che le persone smettano di credere in elezioni libere ed eque – ha affermato Buehler – è davvero un pericolo per la nostra democrazia».

Il muro di Grattan Street è il successore di un altro muro di bugie di Trump che Buehler ha creato e installato nell’estate 2020. Il precedente progetto di Buehler si chiamava Wall of Lies e documentava circa 30.000 bugie raccontate da Trump mentre era in carica. Sembrava un po’ come un dipinto astratto pixelato, con ogni bugia codificata per colore che comprendeva il proprio piccolo rettangolo. Torreggiava ben al di sopra delle teste degli spettatori, che passavano il tempo a riflettere sulle bugie e a fotografarle. Alla fine è stato vandalizzato con graffiti attribuiti ai Proud Boys, inclusi gli slogan “Vote Trump or Die” e “Stand Back & Stand By”, che Trump ha notoriamente detto ai Boys durante i dibattiti presidenziali del 2020.

Due anni dopo, il nuovo Wall of Liars and Deniers, attraversato da una grossa fascia bianca a caratteri cubitali “BUGIARDI E NEGAZIONISTI”, ribadisce l’eredità della bugia di Trump. «Volevo davvero evidenziare le centinaia di negazionisti che si candidano alle elezioni», ha detto Buehler. L’artista spera che vedendo le bugie poste lì, gli elettori escano dal loro torpore critico e siano colpiti finalmente dall’indignazione: «In un certo senso, vederlo significa credere – ha detto – 30.000 è solo un numero. Come diceva Stalin, una morte è una tragedia, 10 milioni è una statistica. Ricordi quando una sola bugia di un politico avrebbe fatto notizia? È un po’ insensato ora. Ma quando vedi il muro, è una drammatica dimostrazione dell’enormità della situazione».

Oltre a essere uno strumento per aiutare a ripristinare parte del valore scioccante delle bugie di Trump, i Muri di Buehler sono diventati luoghi di connessione della comunità, molte persone si avvicinano e condividono sentimenti di ansia per le elezioni e sul futuro del Paese, ha dichiarato: «Qualcuno mi ha detto, “hai sentito parlare della grande bugia, ma quando vedi quante persone la stanno diffondendo ti colpisce in un modo nuovo. Non lo stai solo leggendo, lo stai visualizzando, questo lo porta in primo piano”».

Articoli correlati