Brad Pitt, Nick Cave e Thomas Houseago in mostra al Sara Hildén Art Museum, in Finlandia

Brad Pitt fa il suo debutto come scultore in una collettiva con il musicista Nick Cave e l'artista Thomas Houseago

Svolta nelle arti visive per Brad Pitt. L’attore debutta come scultore in una collettiva con il musicista Nick Cave e l’artista Thomas Houseago. Il percorso espositivo si dipana al Sara Hildén Art Museum di Tampere, in Finlandia, in una mostra dal titolo We, aperta fino al 15 gennaio 2023.
Tra le nove opere che Brad Pitt espone, c’è la sua prima scultura, House A Go Go (2017): una casa in miniatura alta 46 cm fatta di corteccia d’albero, grossolanamente tenuti insieme con del nastro adesivo. I pezzi più grandi, invece, includono una scatola di bronzo delle dimensioni di una bara raffigurante mani, piedi e volti che tentano di sfondare la struttura da varie angolazioni e la grande scultura in gesso appesa a parete Aiming At You I Saw Me But It Was Too Late This Time (2020), che raffigura uno scontro a fuoco.

Brad Pitt, Aiming At You I Saw Me But It Was Too Late This Time, 2020

L’attore ha iniziato ad appassionarsi alla scultura dopo il suo turbolento divorzio dall’attrice Angelina Jolie nel 2017. “Per me si tratta di riflessione su se stessi – ha dichiarato – È una necessità nata da quello che chiamo un inventario radicale del sé, diventando davvero brutalmente onesto con me e tenendo conto di coloro che potrei aver ferito e dei momenti in cui ho sbagliato”.
Al debutto artistico di Pitt, si unisce anche il cantautore australiano Nick Cave che espone una serie di figure in ceramica smaltata raffiguranti, ça va sans dire, la vita del Diavolo.

Nick Cave’s ceramic work at Sara Hilden Museum of Art in Tampere, Finland

The Devil: A Life è il primo grande lavoro visivo di Cave. La serie comprende 17 pezzi, di altezza compresa tra 15 cm e 50 cm, ciascuno realizzato a mano, dipinto e smaltato dallo stesso Cave in Inghilterra, tra il 2020 e il 2022. In questo ciclo di sculture, il suo spirito dark emerge nella scelta del soggetto, coniugandosi a un gusto estetico che rimanda alle figurine vittoriane dello Staffordshire Flatback, di cui è un collezionista.
Nel percorso espositivo, le opere di Pitt e Cave, entrambi scultori alle prime armi, sono in dialogo con quelle dell’artista britannico Thomas Houseago.
Famoso per le sue sculture, a Tempere Houseago mostra invece un ciclo di dipinti, provenienti dalla sua serie Visions, realizzata all’aperto e ispirata ai simbolisti europei come Munch. Una sperimentazione che l’artista ha portato avanti solo negli ultimi anni e che oggi dialoga con i primi esperimenti dei due artisti. A proposito della decisione di esporre insieme a Cave e Pitt, Houseago afferma in una dichiarazione: “Non sono un io. Sono un WE!”.

Thomas Houseago, Weekend at El Cap
Courtesy of the artist, Sara Hilden Museum of Art and Gagosian Gallery

Articoli correlati