Domenica il secondo blitz artistico tra i ruderi di Scoppio

Scoppio

Dopo lo sperimentale tentativo di incursione dello scorso anno, il borgo medievale abbandonato di Scoppio è teatro, per la seconda volta, di una mostra-evento della durata di un giorno. Un blitz artistico tra i ruderi nei pressi di Terni, ad Acquasparta, che vede protagonisti Alessandro Matera, Alejandra Varela Perera, Andrea Lo Giudice, Andrea Noviello, Bianca D’Ascanio, Federico Arani, Ginevra Collini, Giulia Crivellaro, Margherita Mezzetti, Simone Bacco, Sofia Bordin e Vito Gara.

Un percorso espositivo non lineare e dalla forte multimedialità, che si inserisce orizzontalmente, con interventi site-specific, tra le affascinanti e mistiche rovine del piccolo paese fantasma. I/Le dodici artist* in mostra, provenienti da background molto diversi, presentano opere silenziose, gentili, frutto dell’incontro con le diverse manifestazione del luogo, che quasi come un organismo abbraccia i lavori, li assorbe e guida gli spettatori-esploratori attraverso essi. Ne risulta un’apparizione non centralizzata, a cavallo tra realtà e visione, che come un’allucinazione collettiva mette in crisi la temporalità, i confini tra le cose e il concetto stesso di abitare e navigare cognitivamente un luogo.

Scoppio è una frazione disabitata del comune di Acquasparta, in provincia di Terni. I resti del paese si trovano lungo la
strada regionale 418 che arrampicandosi sui Monti Martiani collega Acquasparta a Spoleto. Aggrapato ad uno sperone di roccia che domina la vallata circostante (da qui il nome, dal latino scopulus, scoglio), il minuscolo borgo viene
completamente abbandonato intorno al 1950 a seguito dei danni causati da una serie di terremoti. Scarse sono le
testimonianze storiche riguardo la fondazione e i primi anni dell’insediamento originale, di cui oggi è possibile ancora

Opening 17.10.21 – dalle ore 13:00 fino al tramonto | Scoppio, Acquasparta (TR)
COME RAGGIUNGERE SCOPPIO:
Prendere la strada sterrata lungo la SR418 (coordinate incrocio: 42.7120670, 12.5873735), percorrerla fino ad un largo
spiazzo dove sarà possibile lasciare le macchine (coordinate parcheggio: 42.7317365, 12.5911726) e proseguire a piedi
gli ultimi 500 mt lungo il sentiero che porta al paese (coordinate ingresso: 42.7291151, 12.5967147)
.