Ultimora

Keith Haring, la mostra a Palazzo Campana

La grande street art dà un nuovo appuntamento ad Osimo (AN), con la mostra dedicata a Keith Haring, a cura di Gianluca Marziani, dal 28 marzo al 27 settembre a Palazzo Campana. L’esposizione va a scavare alle origini della street art, che ha avuto nel maestro newyorkese uno dei maggiori interpreti. Vuole anche tracciare una linea di demarcazione tra la cultura del Graffitismo e la dimensione più ampia della Street art. A palazzo Campana saranno presenti circa 80 opere complessive, tra cui circa venti originali di Keith Haring realizzate sui muri della metropolitana tra il 1981 e il 1983. Ad ampliare il percorso, altri pezzi di Paolo Buggiani sui suoi progetti a New York. L’artista, novantenne, sarà presente all’inaugurazione e sta preparando una performance live per l’occasione. Buggiani ha animato la scena performativa della Grande Mela negli anni Ottanta, diventando celebre per le sue azioni giocando con il fuoco.

«È a New York che Buggiani inizia ad usare la metropoli come un museo a cielo aperto ed è lì che conosce Keith Haring, il ragazzino geniale che sarebbe diventato una leggenda dell’arte contemporanea – ha spiegato Gianluca Marziani, curatore della mostra -. È proprio Buggiani che ha staccato dai muri, salvandole, una cinquantina di Subway drawings, le prime opere di Haring, realizzate in gessetto sulle affissioni nere che coprivano le pubblicità scadute. La mostra può considerarsi come un inno alla libertà».

Dal 28 marzo al 27 settembre
Palazzo Campana, piazza Dante Lighieri 1, Osimo (AN)
info: https://www.haringaosimo.it/

Commenti