Foto

Venia Dimitrakopoulou alla Fondazione Sandretto

Inaugura oggi alla Gallery della Fondazione Sandretto Re Rebaudengo Futuro Primordiale – Logos di Venia Dimitrakopoulou, a cura di Afrodite Oikonomidou e Matteo Pacini e visitabile fino al 31 marzo 2019. L’appuntamento torinese segue quello di Palermo sulla Materia, proseguirà a Trieste con il tema del Suono e rientra nel programma Tempo Forte Italia – Grecia, iniziativa promossa dall’Ambasciata d’Italia ad Atene e organizzata dalla Fondazione Ellenica di Cultura – Italia, volta a favorire e sostenere il rafforzamento delle relazioni culturali tra i due Paesi.

In questa personale la scultrice greca propone una nuova selezione di lavori, tra cui due installazioni di grandi dimensioni: l’opera inedita Ellampsis (2019) creata per l’occasione, che raffigura un’epigrafe in ferro con una scritta luminosa, quasi profetica, e l’installazione Dialoghi (2019), che esprime le voci che di solito non hanno risonanza magnetica, richiamando libri destrutturati in importanti lastre di ferro e leggera carta cinese, sui quali l’inchiostro nero e rosso imprime frasi inspirate da una ricerca sociologica realizzata tra la gente comune. A guidare l’intera mostra è il tema del “logos”, parola che diventa segno e allo stesso tempo il segno che diventa parola. «Tutti i lavori presentati – spiega Venia Dimitrakopoulou – hanno una caratteristica in comune: sono ricoperti da testi che sembrano quasi una scrittura automatica. Piccoli libri, leporelli, diari, e ancora la Veste di Nesso e l’Armatura Segreta». Con il suo trittico di personali Venia Dimitrakopoulou trova  l’Italia in una fase difficile per la sua storia e per la storia dell’Occidente. Affonda per questo la sua ricerca nel mito per giungere alle radici comuni tra Italia e Grecia, mentre si interroga sul passato e sulla storia. Come ricorda Franco Fanelli nel testo critico del catalogo, è proprio nella crisi che l’eroe, l’artista,  ”l’eroe” «cerca le sue risposte nella profondità estrema».

 Info: http://www.irmabianchi.it/mostra/venia-dimitrakopoulou

Commenti