Ultimora

Stefano Boeri, Francis Kéré e Ria Lussi in città in occasione del Laboratorio per la ricostruzione

Appuntamento il 30 giugno a Spoleto quando dalle 20.00 prendono il via una serie di iniziative che rientrano nel programma del Laboratorio per la Ricostruzione di Stefano Boeri, nominato dal Governo esperto per le attività di pianificazione urbanistica di Lazio, Abruzzo, Marche e Umbria. Ed è proprio lo stesso Boeri che aprirà la serata moderando un talk con l’architetto Francis Kéré, ospite recentemente a Roma per il RUFA contest. L’appuntamento è ospitato nella nota Spoletosfera, una costruzione architettonica donata alla città dall’architetto Richard Buckminster Fuller in occasione della decima edizione del Festival dei due mondi. A due passi dalla Spoletosfera, nei Giardini di Corso Matteotti, inaugura nella stessa serata anche l’installazione La Speranza firmata dall’artista e docente RUFA Ria Lussi e curata da Gianluca Marziani.  Il lavoro riprende l’antica tecnica delle luminarie, l’artista ha realizzato un’opera alta quasi sette metri dedicata alla città, come invito alla rinascita e all’ottimismo per esprimere vicinanza e supporto alle popolazioni colpite dal sisma del centro Italia.

La Speranza, nasce da un pluriennale lavoro sul libro di Giordano Bruno Spaccio della bestia trionfante, di cui rimane memorabile e sempre attuale la citazione: ”E tu Speranza, che fai, che non mi sproni, che non mi inciti?”. L’accensione del lavoro, nelle intenzioni dell’artista e del curatore, non è solo fisica ma anche morale. Durante l’evento sarà distribuito ai partecipanti il libro d’artista, in tiratura limitata, con il testo dello Spaccio della Bestia Trionfante, tradotto in italiano contemporaneo da Daniele Teclemariam e con la consulenza linguistica di Agata Azzellini, introdotto da quindici emblematiche figure di Ria Lussi. L’opera filosofica di Bruno, originariamente pubblicata in italiano a Londra nel 1584, è un dialogo allegorico in cui tre interlocutori discorrono sull’attuazione di una riforma ordinata da Giove per rinnovare la volta celeste e porre fine a un declino che dura da tempo: spacciare, nel senso di disimpegnare, cacciando via dal cielo vecchi vizi per sostituirli con nuove virtù. Info: http://www.festivaldispoleto.com/2017/Eventi.asp?id_progetto=472&lang=

Commenti