Ultimora

Philippe Parreno per la prima volta in Italia all’Hangar Bicocca

Hypothesis è il nome della personale firmata da Philippe Parreno e ospitata nell’Hangar Bicocca dal 25 ottobre al 14 febbraio. L’esposizione, curata da Andrea Lissoni, si presenta come la prima antologica italiana dell’artista francese. Eclettismo è la parola d’ordine per comprendere a fondo una sua mostra, l’artista utilizza infatti svariate tecniche artistiche e media per stravolgere il classico concetto di esposizione. Luci, ombre, suoni, rumori video e citazioni dalla storia dell’arte sono gli ingredienti di ogni sua installazione e Hypothesis non fa certo eccezione. Due degli aspetti fondanti del percorso di Parremo, lo scambio e la partecipazione: fra le diverse personalità con cui ha collaborato negli anni ci sono artisti, architetti e curatori (tra i molti Tino Sehgal, Liam Gillick, Douglas Gordon, Carsten Höller, Pierre Huyghe, Darius Khondji, Arto Lindsay, Hans-Ulrich Obrist e Rirkrit Tiravanija). Ha inoltre collaborato con gruppi musicali come Mogwai, compositori e musicisti come Devendra Banhart, Nicolas Becker, Pierre Boulez, Mikhail Rudy e con l’architetto François Roche. Info: www.hangarbicocca.org

Commenti