Ultimora

Palaexpo, arrivano le dimissioni dell’intero Cda: “Roma Capitale è venuta meno ai propri obblighi finanziari”

Arrivano con una lettera al Campidoglio indirizzata al sindaco Ignazio Marino e al presidente del Collegio dei Revisori dei Conti le dimissioni dell’intero Cda del Palaexpo. Firmata dai cinque membri dell’azienda che gestisce il Palazzo delle Esposizioni, le Scuderie del Quirinale e la Casa del Jazz, Claudia Ferrazzi, Claudo Strinati, Silvana Novelli, Franco Bernabé, Lorenzo Zichichi, nella lettera si leggono le ragioni principali di questa posizione: «Roma Capitale è venuta meno ai propri obblighi finanziari rendendo oggettivamente impossibile lo svolgimento delle attività». Un altro duro colpo per il Comune di Roma, che, come fanno sapere Marino e gli assessori alla Cultura e al Bilancio, Giovanna Marinelli e Silvia Scozzese nominerà subito un commissario per garantire la prosecuzione delle attività programmate e contemporaneamente definirà il nuovo assetto del Palazzo e il suo rilancio. Gli stessi fanno sapere di aver preso atto che gli obiettivi previsti l’anno scorso non sono stati raggiunti, nonostante l’operato del Cda: “Per il Palaexpo, la missione indicata era tenere alto il livello dell’offerta culturale, accrescere le entrate dei biglietti, perseguire l’obiettivo di raccogliere accanto al finanziamento pubblico risorse di investitori e donatori privati”.

Commenti