Ultimora

Franceschini firma il protocollo d’intesa per la collaborazione tra pubblico e privato nell’arte contemporanea

Come anticipato nel corso di Arte Fiera a Bologna, nel mese di gennaio 2015, il Comitato Fondazioni di Arte contemporanea, creato su volontà di Patrizia Sandretto Re Rebaudengo, sta attuando le prime misure per il rilancio dell’arte contemporanea in Italia e all’estero. Questa mattina, infatti, la presidentessa del Comitato è arrivata al Mibac per “posare la prima pietra” di tale progetto: firmare con il ministro dei Beni culturali e del Turismo Dario Franceschini il protocollo d’intesa che dà il via a una fitta collaborazione congiunta tra le due istituzioni più rappresentative della sfera pubblica e di quella privata. Si tratta dell’atto fondante di un esempio concreto di big society applicato al sistema artistico. Un obiettivo, questo, che rientra tra le linee di indirizzo della neo istituita Direzione generale Arte e Architettura contemporanee e Periferie urbane, che vede fra le proprie competenze tutte le azioni per promuovere la creatività e la produzione artistica contemporanea e diffonderne la conoscenza. «Questo protocollo è solo l’inizio – ha commentato Patrizia Sandretto Re Rebaudengo – tutto sarà da oggi in poi, dove insieme Ministero e Comitato delle Fondazioni lavoreranno per i giovani artisti italiani, per creare un sistema per l’educazione, la mediazione e tutto quello che farà sì che il nostro Paese sia un Paese dove l’arte contemporanea assuma un ruolo fondamentale». «Dall’inizio del mandato dovevamo colmare un ritardo – ha detto il ministro Franceschini – colpevole nel non aver saputo affiancare al giusto impegno nella tutela del patrimonio classico, quello della conoscenza e promozione dell’arte contemporanea. Come se fosse obbligatorio che ci dovesse essere una vocazione univoca, cioè solo la conservazione». Il Comitato Fondazioni Arte Contemporanea, costituitosi a Torino il 22 settembre 2014, è composto da Fondazione Brodbeck (Catania), Città dell’arte-Fondazione Pistoletto ONLUS (Biella, Torino), Fondazione Giuliani per l’Arte Contemporanea (Roma), Fondazione Memmo – Onlus (Roma), Fondazione Mario Merz (Torino), Fondazione Antonio Morra Greco (Napoli), Nomas Foundation Onlus (Roma), Fondazione Pastificio Cerere (Roma), Palazzo Grassi – Punta della Dogana – Pinault Collection (Venezia), Fondazione Antonio Ratti (Como), Fondazione Pier Luigi e Natalina Remotti (Camogli, Genova), Fondazione Sandretto Re Rebaudengo (Torino), Fondazione Spinola Banna per l’Arte (Poirino, Torino), Fondazione Nicola Trussardi (Milano), Fondazione VOLUME! (Roma).

 

 

Commenti