Clet indagato per l’Omino sul ponte delle Grazie dell’Arno

Violazione dei vincoli artistico-architettonici, questa l’accusa al centro dell’indagine della procura di Firenze sul posizionamento di un omino disegnato dall’artista francese Clet Abrahamsu un ponte dell’Arno a Firenze. Ma Clet non si arrende perché dalla sua ha il consenso popolare: «sarà uno stimolo in più per rimettere questa scultura, che ha sempre goduto di un forte sostegno popolare, al suo posto», ha commentato l’artista dopo che le cronache locali hanno dato notizia dell’apertura dell’inchiesta. L’omino difatti è diventato negli ultimi anni un simbolo della street art a Firenze e, a pensarla così, la maggior parte dei turisti e cittadini. L’omino è però stato installato illegalmente sul ponte alle Grazie nel 2011, e, dopo solo pochi giorni dalla sua comparsa, fu rimosso dai tecnici del Comune, per poi essere riposizionato di nuovo sul posto da Clet ma nel 2014 dei vandali lo hanno gravemente danneggiato e l’opera è stata nuovamente rimossa dalla sua postazione per essere restaurata ma mai riposizionata a causa dell’indagine.