Ultimora

Presentata al Macro la seconda edizione del programma Torno subito

Per un cervello che se ne va, ce n’è uno che torna. Ieri sera, al Macro di via Nizza è stata presentata la seconda edizione di Torno subito, il progetto della Regione Lazio che permetterà a circa 1000 ragazzi tra i 18 e i 35 anni, domiciliati o residenti nel Lazio, di effettuare master o work experience in Italia e all’estero con costi totalmente a carico della Regione. Un’iniziativa che, se da un lato permette ai giovani un periodo di rifinitura della formazione post lauream all’estero, dall’altro li spinge a tornare in Italia garantendo loro un’esperienza lavorativa in una delle aziende convenzionate. Il bando è rivolto a studenti universitari e laureati di età compresa tra i 18 e i 35 anni, residenti o domiciliati nel Lazio da almeno 6 mesi, che vogliono migliorarsi, crescere, inseguire i loro sogni. Presenti all’iniziativa nel museo romano il presidente della Regione Lazio Nicola Zingaretti che si è dichiarato soddisfatto dell’esito della prima edizione di Torno Subito: «Un anno fa abbiamo fatto una scommessa che oggi è una scommessa vinta». Per questo si è deciso di raddoppiare i posti a disposizione e i finanziamenti al progetto: «Nella situazione di crisi occupazionale che vivono in particolare i giovani, vogliamo che abbiano la possibilità di andare ovunque nel mondo per realizzare i loro progetti, a patto di tornare nella nostra regione. L’anno scorso non eravamo ancora del tutto preparati, quest’anno andrà meglio» aggiunge il vicepresidente, Massimiliano Smeriglio. Grande partecipazione alla serata anche di giovani interessati a partire, che hanno potuto chiedere le informazioni necessarie nei corner messi a loro disposizione e che si sono potuti confrontare con i loro colleghi rientrati da poco in Italia, dopo un’esperienza all’estero. È seguito un party sulla terrazza del museo con djset e aperitivo. Per partecipare, il bando con tutti i dettagli è online sul sito www.tornosubito.laziodisu.it e resterà aperto fino al 7 luglio 2015.

Commenti