Ultimora

Pistoletto quest’estate in mostra al Castello per una grande antologica

Michelangelo Pistoletto quest’estate sarà in mostra al Castello di Gallipoli dal 4 giugno al 27 settembre. Della retrospettiva, curata da Manuela Gandini, faranno parte, oltre ai lavori storici dell’artista, anche tre opere realizzate da lui appositamente per l’occasione. Un’antologica che accogliere i visitatori nella piazza d’armi dell’antico maniero con il celebre Terzo paradiso, grande installazione che riproduce una rielaborazione del simbolo dell’infinito, punto di riferimento delle sue speculazioni teoriche più recenti. Al centro della grande opera ci sarà un ceppo affiancato a un piccolo albero d’ulivo: vero e proprio simbolo di rinascita, che assume un particolare valore alla luce dell’emergenza della Xylella fastidiosa che sta distruggendo gli ulivi in Salento. Il percorso espositivo si sviluppa su diversi ambienti del castello, con opere storiche come Pittore e Sedia, due dei suoi celebri specchi e una serie di lavori degli anni Novanta. «Le opere sono state scelte personalmente dal maestro – ha commentato la curatrice – all’interno ci saranno alcune tappe fondamentali del suo lavoro, fino al discorso legato alla responsabilità sociale dell’arte, con la grande installazione Love difference».

Commenti