Ultimora

La pietà Rondanini di Michelangelo cambia casa

Il castello Sforzesco di Milano non ospita più, nella sala degli Scaglioni, la Pietà Rondanini di Michelangelo. L’opera, simbolo del non finito del genio rinascimentale, è stata trasferita nell’ospedale spagnolo appena restaurato da Michele De Lucchi a cui si accede dalla piazza d’armi del Castello. L’inaugurazione del nuovo allestimento è prevista per il 2 maggio, il giorno dopo l’avvio di Expo. Ma questa non è l’unica novità per il lavoro michelangiolesco che poggerà su una nuova base: una piattaforma tecnologica, antisismica e antivibrazioni all’interno dell’Ospedale che è stato portato al suo antico splendore. Fino a maggio l’opera viene inoltre passata al setaccio da una squadra di restauratori per giudicare il suo livello di salute (che comunque sembra ottimo) e provvedere a una ripulitura speciale per togliere ogni granello di polvere.

Commenti