Ultimora

Ca’ Pesaro dedica una mostra a Cy Twombly a quattro anni dalla sua morte

A partire dal 6 maggio, la Galleria internazionale d’arte moderna Ca’ Pesaro di Venezia dedica un’importante mostra a Cy Twombly, curata da Julie Sylvester e Philip Larratt-Smith, in collaborazione con la Cy Twombly Foundation di New York e con il supporto della Gagosian Gallery. L’artista, morto a Roma nel 2011 e presente alla Biennale di Venezia per ben cinque volte, prima di tutte nel 1964, torna ora nella città con Paradise, un percorso che attraversa sessant’anni della sua produzione di pittore e scultore, e che mostra inattese incursioni nel mondo misterioso della vita, dei segni, delle parole e dell’immaginario dell’artista. La selezione testimonia i temi ricorrenti della ricerca creativa dell’artista, come la sessualità e il richiamo a un passato arcadico in cui corpo e mente vivono in completa comunione, e l’ossessione per l’astrazione gestuale che lo spinse a disegnare al buio, a dipingere con la mano sinistra, o fissare bastoni all’estremità dei pennelli come per obbedire al desiderio di rimuovere i confini della sua formazione e perdere il controllo dei mezzi tecnici.

Commenti