Foto

Winship, scatti in bianco e nero

Fino al 15 febbraio la Fondazione Stelline di Milano presenta la personale dell’artista Vanessa Winship, organizzata in collaborazione con la Fundación Mapfre di Madrid. Oltre 100 scatti in bianco e nero che ripercorrono dall’inizio la sua carriera di giovane fotografa nei Balcani, fino ai suoi ultimi lavori realizzati in Almerìa, Spagna, opere che toccano diversi temi, come il corpo, l’identità, il paesaggio, la società, i conflitti politici, andando oltre il mero stile documentario. Nel 2011, la Winship è stata la prima donna a ricevere il premio Henri Cartier-Bresson per la fotografia con il progetto Shedances on Jackson. UnitedStates, una serie che si concentra sul degrado della società americana e riflette sui segni del declino dell’American Dream, visibile sia negli uomini che sul territorio: un paesaggio che diventa eloquente attraverso il suo apparente silenzio e la sua immobilità. Dagli anni ’90, la Winship ha concentrato la sua ricerca su diverse aree geografiche, tra cui i Balcani, il Mar Nero e il Caucaso, riflettendo sui concetti di confine e di identità.

Commenti