Al teatro Palladium arriva il festival Ossigeno. Ecco gli appuntamenti

Roma

Il teatro Palladium torna protagonista della scena culturale romana. Il 16 settembre parte la prima edizione di Ossigeno, il nuovo festival della capitale. Si tratta di una manifestazione, programmata in chiusura della lunga stagione dell’Estate Romana 2014, che presenta nove spettacoli che utilizzano un linguaggio originale e contemporaneo, capace di avvicinare e soprattutto intrecciare esperienze diverse dell’arte: teatro, fotografia e video, musica, cinema. Filo conduttore è il racconto di vite ai margini: un isolamento che può essere fisico, ma anche mentale. Storie e musiche di periferia, di slums, di favelas, di briganti e di mondi lontani. Gli spettacoli potranno essere vissuti anche prima della messa in scena: la mission di Ossigeno è infatti quella di rompere la barriera tra palcoscenico e platea, tra artista e spettatore e per questo offre la possibilità di assistere alle prove e incontrare gli attori e i musicisti fuori dalla scena. Il concerto di apertura è affidato a due tra i migliori musicisti della scena jazz contemporanea, Fabrizio Bosso e Julian Mazzariello, che propongono un mix in perfetto equilibrio fra tradizione e modernità, tra swing, ballads e canzoni d’autore, classici e sperimentazione. Ecco gli altri appuntamenti:

– 18 settembre: in scena una prima assoluta che vede Emily Dickinson protagonista della serata. Barbara Eramo, accompagnata da Stefano Saletti, accompagna con le musiche del suo nuovo cd Emily la voce di Manuela Mandracchia che interpreta le più intense liriche della poetessa statunitense.

– 19 settembre: gli Agricantus presentano in anteprima al Palladium di Roma, il loro nuovissimo live show Reunion

– 21 settembre: prima assoluta con il giornalista Ernesto Assante e la sua inedita lezione dal titolo Rock against racism – La storia del rock contro il razzismo. Un viaggio fatto di immagini, suoni, ricordi che raccontano una storia di grandi canzoni e di grandi speranze.

– 23 settembre: The Niro, uno dei più originali tra i giovani autori e cantanti italiani presenta, oltre al nuovo singolo Ruggine, il suo miglior repertorio dal vivo fatto di storie e luoghi che raccontano le contraddizioni, i disagi, le incertezze della nostra quotidianità.

– 25 settembre: Ilaria Graziano e Francesco Forni presentano, tra voci, una chitarra e un ukulele, tra ballate folk e racconti di sogni e di briganti in prima assoluta il nuovo videoclip Come. Special guest della serata Francesco Di Bella, per molti anni cantante dei 24 Grana, gruppo di punta della scena musicale napoletana.

– 26 settembre: torna sulle scene il capolavoro teatrale 456 di Mattia Torre, già autore della serie cult Boris. È la storia comica e violenta di una famiglia – il capofamiglia, la moglie e il figlio – che vive isolata e chiusa, nel mezzo di una valle tra ostilità, diffidenza, conflitti e odi interni. In scena Massimo De Lorenzo, Carlo De Ruggieri, Cristina Pellegrino e Michele Nani.

– 29 settembre: serata dedicata a Gianni Borgna, curata da Enrico Menduni, con la proiezione al centro culturale Elsa Morante del suo documentario Profezia – L’Africa di Pasolini, vincitore del premio Bisato d’oro alla 70a Mostra del cinema di Venezia e del gran premio della giuria al Terra di Siena film Festival – 17a edizione.

– 30 settembre: serata conclusiva. Concerto speciale dal titolo Tra indie e periferia, presentato da Ernesto Assante. Jonny Blitz, The shalalalas e Departure Ave in un evento unico che riunisce per la prima volta insieme le tre cult band della scena giovane romana.

Articoli correlati