Ultimora

Accardi, Turcato e Hafif ancora insieme dopo Forma 1

Le plastiche spugnose di Giulio Turcato, il vitalissimo segno di Carla Accardi,  il lievitare delle forme dai contrasti del colore di Marcia Hafif. I tre artisti hanno in comune il gusto di «giocare», di infrangere ogni mitomania, di darci piacere. E questa particolare affinità, questo dialogo tra visioni viene messo in mostra alla galleria Edieuropa Qui Arte contemporanea da martedì 8 aprile (ore 18.00). Oggi come un tempo. Proprio così. Perché la stessa mostra, curata da Marisa Volpi, aveva segnato l’inizio dell’esperienza della celebre galleria d’arte romana nel 1967 nella sua prima sede in via del Corso 525. Nata inizialmente come sede della rivista Qui arte contemporanea, pensata e voluta da Capogrossi, Colla, Leoncillo, Fontana Pasmore e Sadun, era diventata un luogo d’incontri, dibattiti, conferenze, sui vari temi dell’arte contemporanea d’avanguardia. Erano gli anni dell’esplosione del colore, in America, in Inghilterra, in Francia, la televisione a colori era la grande rivoluzione. Ci si aspettava un mondo pieno di progressi sociali, un futuro brillante. Oggi, proseguendo il cammino di recupero della memoria, i  tre grandi artisti vengono riproposti nella mostra Immagini del colore, con un ricordo speciale per Carla Accardi. Nella mostra sono state selezionate circa trenta opere tra tele, sicofoil e disegni, principalmente degli anni Sessanta e Settanta, oltre a qualche opera più recente, per offrire un panorama più ampio che arriva fino ai giorni nostri.

Amici nella vita, Carla Accardi e Giulio Turcato diedero vita al gruppo a Forma 1 e con Marcia Hafif, che in quegli anni viveva a Roma, partecipavano attivamente alla vita culturale della città. Di lei nel 1997 scrisse una bellissima presentazione Carla Accardi alla sua personale in galleria: ”con lei ho trovato subito delle particolari affinità, ricordo i grandi quadri con le nuvole e il fascino dei monocromi”.

Dall’8 aprile
Galleria Edieuropa Qui Arte contemporanea
Piazza dei Cenci 56, Roma
Info: 06 6476 0172

Commenti