Ultimora

Palazzo Strozzi foundation premia il mecenate Leonard Lauder

La fondazione palazzo Strozzi Usa ha deciso di conferire il premio Renaissance Man of the Year Award al filantropo Leonard A. Lauder, presidente emerito di Estee Lauder Companies, nel corso di una cerimonia che si terrà a Firenze, il prossimo 23 aprile. La premiazione sarà uno degli eventi conclusivi dell’anno della Cultura italiana negli Usa, l’iniziativa del ministero degli Esteri che ha portato nell’anno scorso, oltre oceano, centinaia di eventi culturali di richiamo. Un successo tale da indurre gli organizzatori a prorogare la manifestazione fino ai primi mesi del 2014. La cerimonia si terrà quindi, per la prima volta, non a New York, nella sede di rappresentanza negli Usa della fondazione palazzo Strozzi e dell’associazione partners palazzo Strozzi, ma in Italia, per sottolineare il valore del legame transatlantico. «L’azione e la visione di Leonard Lauder nel mondo degli affari, nella filantropia, nell’arte e nell’educazione riflettono in pieno i valori umanistici che fanno parte dell’eredità del Rinascimento» ha sottolineato in una nota il consiglio di palazzo Strozzi foundation Usa. La leadership di Lauder, nel gruppo dal 1958, ha contribuito a farlo diventare uno dei colossi mondiali nella produzione di prodotti cosmetici di qualità. Con un fatturato annuo di circa 10 miliardi di dollari, Estee Lauder oggi ed è presente in oltre 150 paesi del mondo con 30 marchi di primo piano nel settore della cosmesi. Leonard Lauder sostiene inoltre varie attività filantropiche tra cui l’Alzheimer’s drug discovery foundation, di cui è co-fondatore e presidente, e la Evelyn Lauder Breast center al Memorial Cancer Center di New York, uno dei primi centri al mondo per la cura del cancro al seno. Nel 1977 è diventato membro del cda del Whitney Museum of American Art di New York, di cui oggi è presidente emerito, e proprio nel 2013 ha annunciato la generosa donazione della sua notevole collezione di opere cubiste al Metropolitan museum of art di New York.

Commenti