Moda - Trends

Sì, la Baguette è una it-bag

La Baguette di Fendi è una it-bag? Ma cos’è veramente una it-bag? È un termine dell’industria della moda entrato in voga negli anni Novanta per descrivere una borsa di marca diventata un vero e proprio best-seller. Solitamente le borse vengono omaggiate alle attrici, showgirl e modelle come Sharon Stone, Virginie Ledoyen, Sarah Jessica Parker, Elisa Sednaoui, Adriana Lima o ancora Rihanna affinché vengano indossate in pubblico in occasione di eventi mondani. Più sono fotografate, più escono sulle riviste patinate o sui blog di moda, più hanno chance di diventare delle vere e proprie it-bag. Non tutte però superano la prova. La baguette di Fendi sì. Ha festeggiato da poco i suoi primi quindici anni e per l’occasione la Maison Fendi ha pubblicato un libro con 250 immagini della borsa creata da Silvia Venturini Fendi nel 1997. Nei vari store in giro per il mondo, da San Paolo a Roma, da Los Angeles a Parigi è stata “baguette mania”, festeggiamenti e mostra dei pezzi più icona. Invece sul sito ufficiale di Fendi tutte le Baguette sono rappresentate e cliccando sulla foto è possibile saperne la stagione di creazione.

Pelle, piume, perline, struzzo, canvas, jeans, lino, bottoni, svarowsky, ogni materiale rende unica la Baguette. A ogni modello e data di creazione corrisponde un valore e alcuni di questi, diventati collector, stanno raggiungendo cifre da capogiro. Ovviamente anche l’arte vuole la sua parte, quindi nel tempo Richard Prince, Francesco Vezzoli, Tom Sachs, Michelangelo Pistoletto, Enzo Cucchi, Subodh Gupta, Pascale Marthine Tayou (solo per citarne alcuni tra le decine di artisti che sono stati selezionati) sono stati chiamati da Silvia Venturini Fendi e hanno personalizzato le Baguette. Ma se una bag-addicted, in mezzo a tutte le baguette esistenti non riesce a trovare la felicità, è forse perché quella dei propri sogni non è ancora stata mai creata. In quel caso, basta entrare in uno store Fendi, comprare il Baguette Kit “Painter’s toile” e forse così, con un po’ di creatività, la baguette bianca diventerà la Baguette giusta.

Commenti