Ultimora

Paolo Sorrentino: «Anche senza commedie si può fare successo»

Paolo Sorrentino fresco di ben quattro riconoscimenti per la Grande bellezza agli  Efa, Oscar europei, di Berlino e giudice al festival di Marakesh in Marocco ha detto alla Repubblica di oggi: «Uno dei fattori di impoverimento del cinema italiano deriva dal fatto che, con la crisi e le scarse risorse, i registi e gli inventori di storie hanno ripiegato su cavalli sicuri. Ecco quindi l’esplosione della commedia e il ridimensionamento di tutto quello che non lo è e che comporta qualche rischio. In queste condizioni diventa oggettivamente difficile realizzare un’opera prima degna di questo nome, piuttosto che un film autoriale spaciato per professionale». Parole chiare quelel del regista napoletano che suggerisce agli addetti ai lavori di avere più coraggio perché solo così può nascere qualcosa di veramente nuovo e significativo.

Commenti