Ultimora

Alchimia di Pollock è in restauro all’opificio delle Pietre dure

È partito questa mattina all’alba il dipinto di Pollock Alchimia che dal Guggenheim di Venezia, dove era in collezione, è arrivata fino a Firenze, precisamente all’opificio delle Pietre dure dove è in corso un restauro dell’opera, anzi a dirla tutta una seconda fase di conservazione cominciata prima a Venezia. L’opera del padre dell’action painting è infatti oggetto di un restauro approfondito unico nel suo genere che vuole rilevare la storia del lavoro, scoprire precisamente quali materiali sono stati utilizzati e come. I pregi di un tale progetto sono molteplici, primo fra tutti la possibilità di avere un numero maggiore di informazioni per valutare se un dipinto è falso, secondo poi rilevare veramente il metodo di lavoro del pittore, per esempio si è scoperto che Pollock preparava sempre la sua tela prima di cominciare a lavorarci sopra.

 

 

Commenti