Ecco i vincitori del Re Rebaudengo Serpentine grants

Londra

Oggi 16 ottobre, alla Serpentine gallery di Londra, Patrizia Sandretto Re Rebaudengo, presidente fondazione Sandretto Re Rebaudengo, Julia Peyton Jones, direttore Serpentine gallery e Hans Ulrich Obrist, co-direttore mostre ed eventi Serpentine gallery, hanno annunciato il vincitori della prima edizione del Re Rebaudengo Serpentine gallery grants, premio rivolto a giovani artisti nati nel o dopo il 1989. Tra luglio e agosto, i partecipanti hanno potuto iscriversi e inserire l’opera nella piattaforma online Discrit 89plus ospitata da Dis magazine. A designare i vincitori la giuria popolare (voto online attraverso la piattaforma) e la giuria internazionale composta da Francesco Bonami (direttore artistico fondazione Sandretto Re Rebaudengo), Lauren Boyle (Dis magazine), Simon Castets (89plus), Solomon Chase (Dis magazine), Kevin McGarry, Hans Ulrich Obrist, Julia Peyton-Jones (Serpentine gallery), Eugenio Re Rebaudengo (consigliere fondazione Sandretto Re Rebaudengo), Patrizia Sandretto Re Rebaudengo (presidente fondazione Sandretto Re Rebaudengo) e Jochen Volz (Serpentine gallery). Il vincitore designato dalla Giuria Internazionale è Riccardo Paratore (Germania, 1990), con l’opera Belonging. I vincitori designati dalla giuria popolare sono Niko Karamyan (Usa, 1992) e Tierney Finster (Usa, 1991), del duo artistico Niko the Ikon and Tierney Finster (2004). L’opera con la quale hanno partecipato al premio è Can we talk, primo video di una trilogia La giuria internazionale ha inoltre assegnato una menzione speciale a: Haroon Gunn-Salie (Sud Africa, 1989), Jasper Spicero (Usa, 1990) e Amalia Ulman (Argentina, 1989). In palio per ogni vincitore 15mila euro per produrre l’opera, presentata alla fondazione Sandretto Re Rebaudengo durante Artissima (Torino, 8-10 novembre 2013).