Ultimora

Il poeta Karl Holmqvist nell’opera-video di Rirkrit Tiravanija

«Come spesso avviene nel lavoro dell’artista tailandese, quello che gli interessa non è l’arte in sé, ma la vita che si svolge intorno e fuori da essa, che diventa il suo discorso sull’arte. Aver scelto come protagonista del suo ultimo film, presentato qui per la prima volta, la figura di un artista di confine, che fa della propria vita il centro del suo lavoro trans-artistico, muovendosi tra performance, poesia e arte, mostra ancora una volta che Tiravanija vuole confondere i confini esistenti tra la vita e l’arte. E Karl Holmqvist viene da lui filmato come esempio di una vita unica: è l’immagine di un artista che si rigenera attraverso l’uso della parola e che fa della performance la sintesi perfetta di vita e arte». Così il curatore Maurizio Borlotti introduce Untitled 2012 (a study for Karl’s perfect day) or ( the incomparable Karl Holmquist). Questo il titolo dell’opera-video di Rirkrit Tiravanija che sarà inaugurata domani 27 agosto nella suggestiva sala Zuecca, parte integrante dell’ex convento palladiano delle Zitelle, appena restaurato. Nel filmato il cui ruolo del protagonista è affidato al poeta e performer svedese Karl Holmqvist, che ha attirato l’attenzione dell’artista per modalità di sviluppo della sua opera che suggerisce spesso la creazione di comunità estemporanee che si formano attorno alla lettura delle sue poesie o alla realizzazione delle performance.

Info:

Commenti