Bologna, è polemica sulla mostra anti-Pci

Il deputato Pdl e coordinatore bolognese del partito, Fabio Garagnani non demorde sul tema della mostra anti-Pci organizzata dai giovani del suo partito sabato a Bologna e chiede al governo di chiarire «il comportamento di questore e prefetto». La richiesta del deputato è infatti quella di capire «le motivazioni in base alle quali il prefetto di Bologna ed il questore hanno chiesto al parlamentare, in qualità di coordinatore Pdl di Bologna, di spostare ad altra piazza, rispetto a quella originariamente ipotizzata, la manifestazione in assenza di segnali di turbamento dell’ordine pubblico. Da sempre la sinistra bolognese – aggiunge – gode di un trattamento privilegiato da parte delle autorità periferiche dello Stato, obiettivamente condizionate dalla maggioranza detenuta a livello locale anche con arroganza dal Pd». E ha definito «la richiesta del Prefetto e del Questore una pura e semplice abdicazione dello Stato nei confronti della prepotenza altrui, dal momento che lo Stato medesimo deve garantire a tutti i cittadini la possibilità di manifestare liberamente il proprio pensiero, cosa in sè ovvia ma non tanto a Bologna».