Giovanni Allevi, doppio concerto in Sicilia

«Suonare tra pietre antiche vuol dire assorbirne il calore dei secoli, l’arte che trasuda, l’amore della gente. “Alien” è il mio gesto d’amore per tutte quelle persone che vogliono vedere oltre la realtà che ci raccontano. Inoltre la Sicilia, e Siracusa in particolare, sono state le protagoniste di un mio debutto, quando scrissi le musiche delle Troiane, nel lontano 1995». Con queste parole Giovanni Allevi spiega il suo ritorno in Sicilia con due tappe appositamente costruite per i due spazi che le ospitano, domani sera alle 21.30, infatti, il pianista si esibirà al teatro Greco di Taormina e domenica a quello Antico di Segesta. Il compositore proporrà i brani del suo ultimo cd, già in vetta alle classifiche. (C. M.)