Anche Ocelot, Wenders ed Herzog filmano in 3d

La Berlinale dedica un’intera giornata al cinema in 3d. La nuova tecnologia si apre a declinazioni diverse da quelle tradizionali, niente kolossal d’azione o fantascienza, ma opere raffinate che si avvalgono del mezzo più in voga del momento per accompagnare lo spettatore su nuove strade di conoscenza. Per autori come Ocelot, Wenders e Herzog il 3d non è il fine, ma solo lo strumento, un’arma per scandagliare meglio l’universo delle emozioni.