Questa è una piattaforma di vendita online di opere d'arte contemporanea selezionate e garantite da Insideart. Un servizio nato per sostenere i nostri giovani talenti e per dare ai nostri lettori l'opportunità di fare un acquisto consapevole e di qualità. Nelle schede trovate tutti i collegamenti per sapere di più sugli artisti. Per ogni ulteriore informazione potete contattare la redazione scrivendo a redazione@insideart.eu o chiamando il numero 06/8080099. Per leggere l'editoriale del nostro direttore Guido Talarico su Insideart gallery cliccate qui.


Pierre gaignard, Bagnolet Chamanique 4k, 2018

Bagnolet Chamanique 4K

Stampa digitale su carta Hahnemuhle

Anno: 2018

ARTISTA: Pierre Gaignard

SINOSSI:

Una copertina scura per segnare la fine dell’estate e l’inizio dell’autunno. A destra appena accennata una donna appare ai margini del lavoro. Il cielo notturno è tagliato da fuochi di artificio e fiamme che partono dalle spalle della figura, da sopra una struttura in ferro costruita dallo stesso artista: Pierre Gaignard. L’opera è un frame della performance Bagnolet Chamanique 4K che mischia musica trap, periferia parigina e antiche tradizioni contadine. Da sempre, infatti, enormi bambole di cartapesta vengono bruciate, mentre ballano, sulle piazze di paesi per salutare la bella stagione e accogliere i mesi freddi dell’autunno e dell’inverno. Di questa memoria rimangono in Gaignard, le fiamme e i fuochi di artificio così come resta la danza selvaggia, non più sui campi ma sull’asfalto di Bagnolet, periferia parigina dove l’artista abita e dirige il collettivo Wonder/Liebet.

C’è tutta la poetica di Gaignard in questo frame, quel miscuglio di tradizioni scomparse ed estetica contemporanea, la riscoperta di un tempo ciclico, caro al mondo contadino, e l’esaltazione della tecnologia intesa come capacità di comporre e rifondere il mondo. C’è il fascino del brut che si estende a una vita senza troppi fronzoli, c’è la festa e c’è soprattutto una comunità che si definisce nella condivisione di uno stesso evento.

BIO ARTISTA: Pierre Gaignard è nato nel 1986 a Le Mans in Francia. Dopo un diploma superiore alla scuola di belle arti nella Riunione partecipa a varie residenze tra cui la Citè international di Parigi. Suoi lavori sono stati esposti alla Maison europeenne de la photographie, al palais de Tokyo nonché nella sua galleria parigina Eric Mouchet.
PREZZO: 600.00
ACQUISTA
 
Nelson Pernisco, La terre des socles vides, 2018

La terre des socles vides

Stampa serigrafica su alluminio; edizioni 5+2 AP

Anno: 2018

ARTISTA: Nelson Pernisco

SINOSSI:

«Tutto è nato – spiega l’autore della cover di Inside Art#113, Nelson Pernisco –  da un interesse per le immagini che fanno la Storia, quella con la esse maiuscola, quelle dei libri di storia e dei vecchi giornali. Immagini estremamente contrastate per quanto sono state fotocopiate, immagini che diventano delle reliquie, delle vestigia di loro stesse. La terre des socles vides è una serie di cinque episodi storici d’iconoclastia. Cittadini contrari al paesaggio politico e culturale che li circondava hanno distrutto delle statue o delle opere d’arte che rappresentavano quel paesaggio. Ogni immagine è inclinata per ristabilire la verticalità del soggetto all’interno della composizione. È il mondo che fugge quando l’arte gli si oppone».

BIO ARTISTA: Nelson Pernisco nasce nel 1993 a Parigi. Studia all'accademia di arti decorative della capitale francese; vive e lavora in luoghi occupati, al momento condivide uno spazio collettivo artistico: Le Wonder.
PREZZO: 1.500
ACQUISTA
 
Schermata 2017-06-28 alle 13.22.03

William's legs

Stampa digitale, edizioni 3 + 2 AP

Anno: 2017

ARTISTA: Corinna Gosmaro

SINOSSI:

Willam’s legs è il titolo del lavoro realizzato da Corinna Gosmaro per la cover di Inside Art 110 in tre esemplari, più due prove d’artista.: «L’ippopotamo per gli egizi era un animale minaccioso – spiega l’artista – gli spezzavano le gambe prima di metterlo nel corredo funebre. Ma in fase di restauro le tre gambe rotte di William sono state ripristinate». L’ippopotamo si staglia su uno sfondo dai toni decisi di un tramonto digitale viola e giallo. Il suo isolamento accentua il carattere rituale dell’oggetto votivo, ma i segni visibili dei suoi ultimi restauri, riportano a galla il suo realismo. La statuetta, una volta sistemata e conservata nel museo, ha perso la sua funzione originaria per diventare reperto storico, anziché amuleto rituale. «Da queste trasmutazioni ci avviciniamo sempre di più alla storia», spiega Gosmaro. Tuttavia lo spazio della copertina conferisce nuovamente all’oggetto un’aura magica Lo sfondo diventa la sua camera mortuaria. La copertina la sua teca. 

BIO ARTISTA: Corinna Gosmaro nasce nel 1987 a Savigliano. Consegue il diploma all'Accademia Albertina delle arti di Torino. Nel 2016 espone con una personale all'Igav di Saluzzo ed è in residenza nella Viborg Kunsthal in Danimarca. Nel 2017 vince il premio 6Artista promosso dalla Fondazione Pastificio Cerere
PREZZO: 800.00
ACQUISTA
 
Free Wi-Fi, cover Inside Art

Free Wi-Fi

(Stampa digitale su carta, 21.8x28.5 cm - 5+2 pda), edizione limitata in 5 copie

Anno: 2017

ARTISTA: Guido Segni

SINOSSI:

L’opera realizzata da Guido Segni per Inside Art 109 nasce da una scritta a pennarello su una schiena femminile, si smaterializza sul web, per poi riprendere forma sulla cover del nostro numero. Free Wi-Fi, questo il titolo del lavoro, fa parte di un progetto più ampio, in cui Segni commissiona sulla piattaforma di crowdsourcing fiverr.com una serie di performance lavorative, retribuite 5 dollari l’una. A suggerire posa e messaggio ai microworker è lo stesso artista: «Free Wi-Fi è un tentativo di riflessione sui cosiddetti millenials e i loro orizzonti definiti dal consumo della comunicazione digitale online». Una riflessione, quindi, sul capitalismo digitale e sulle nuove frontiere del lavoro nell’era di Internet.

BIO ARTISTA: Guido Segni nasce a Firenze il 7 maggio del 1979. Tra le principali mostre a cui ha partecipato negli ultimi anni ci sono NetinSpace al MAXXI e Identità Virtuali alla Strozzina. A gennaio ha partecipato a Set Up Fair con la raccolta di immagini La mer est bleu come primo ospite del progetto-rivista Spaghetti Party. L'opera è una riflessione sui naufragi dei migranti.
PREZZO: 400.00
ACQUISTA
 
Irene Fenara, Quando l'atmosfera riempie il vuoto, 2016

Quando l'atmosfera riempie il vuoto

(Stampa digitale su carta, 21.8x28.5 cm - 5+2 pda)

Anno: 2016

ARTISTA: Irene Fenara

SINOSSI:

Un orizzonte dai contorni sfocati è quello che Irene Fenara, artista bolognese classe 1990, propone come cover del numero 107 di Inside Art. Campiture piatte di colore che ricordano quella pittura che nel 1955 Clement Greenberg battezzò come Colour field, ma in cui la mano dell’artista non è che presenza coadiuvante in un processo di scannerizzazione segnato dal flusso continuo di distorsione dell’immagine. Il bianco, il nero e il grigio sono le dominanti cromatiche in questi Paesaggi spaziali, definizione con cui Fenara racchiude le sue nuove sperimentazioni visive, basate sull’uso dello scanner, dispositivo miope che afferra solo ciò che è strettamente vicino e assimila luce di ciò che è lontano. “Lo scanner non percepisce la profondità di campo – spiega Fenara – è creato per catturare qualcosa di bidimensionale, in cui la distanza tra il soggetto e lo strumento è zero”. Paesaggi ridotti all’essenziale, in cui non resta che una serie di striature, frutto delle veloci variazioni di luminosità assorbite dalla macchina nel suo muoversi nello spazio. Movimenti ibridi, in cui tecnologia e azione manuale formano entrambe parte dello stesso processo di distorsione. Paesaggi dinamici che sembrano poter nascere soltanto Quando l’atmosfera riempie il vuoto, titolo di questo lavoro realizzato per Inside Art.

Info: irenefenara.weebly.com

BIO ARTISTA: Irene Fenara è nata nel 1990 a Bologna dove vive e lavora. Dopo un diploma in scultura all'Accademia delle Belle arti comincia nel 2015 a partecipare in diverse collettive per poi l'anno successivo inaugurare la sua prima personale Se il cielo fugge nello spazio espositivo Adiacenze. È stata fra gli artisti presentati nell'esposizione curata da Carlo Sala, La disfatta dell'immagine.
PREZZO: 500 euro
ACQUISTA
 
The Cool Couple, Wow.Whoops.Sorry (a quote), 2016

Wow.Whops.Sorry (a quote)

Stampa laser su carta blueback, edizione 1/1

Anno: 2016

ARTISTA: The Cool Couple

SINOSSI:

È un’opera in edizione unica, questa volta, la cover disegnata per Inside Art da The Cool CoupleUn’estetica che rompe i ponti con la sobria eleganza degli ultimi numeri e ci trasporta brutalmente sullo schermo di un pc. Intitolata Wow.Whops.Sorry (a quote), è composta dalla sovrapposizione di più livelli: sul fondo, sfocata, si riconosce la foto di un gattino in un contesto vagamente bucolico; in primo piano, in una risoluzione più nitida, una miriade di teste e mezzi busti di gatti scontornati, stretchati, mutilati, deformati nelle loro sembianze. I gattini sono il simbolo della nostra interazione quotidiana con Internet, vengono moltiplicati in ogni forma e declinazione alla stessa velocità con cui produciamo, consumiamo e produciamo di nuovo. Non a caso il titolo è estrapolato direttamente da The Age of Earthquakes, manuale che solleva una serie di questioni legate al nostro “estremo presente”.
Per un approfondimento sulla copertina, clicca qui.

Info: thecoolcouple.co.uk

 

BIO ARTISTA: The Cool Couple è un duo formato nel 2012 da Niccolò Benetton (1986, Arzignano) e Simone Santilli (1987, Portogruaro). I due si sono incontrati al master in Fotografia e Visual Design alla Fondazione Forma di Milano. Nel 2015 il collettivo inaugura la sua prima personale a Les Rencontres des Arles e partecipa inoltre al Festival Fotografia al Macro. Nel 2016 è in residenza a Careof Milano.
PREZZO: 1.500
ACQUISTA
 
Andrea De Stefani, Shadowplay (studio per Nocturama)

Shadowpaly (studio per Nocurama)

(Stampa digitale su carta, 21.8x28.5 cm - 5 di 5)

Anno: 2016

ARTISTA: Andrea De Stefani

SINOSSI:

Una lama gialla al tungsteno taglia la fotografia in bianco e nero di una strada suburbana. Un’imposizione geometrica e violenta sul paesaggio, una forzatura pari all’alterazione luminosa dei lampioni sulla visione notturna. Shadowpaly (studio per Nocurama) di Andrea De Stefani è la copertina d’artista del numero 105 di Inside Art che riassume brillantemente la poetica dell’artista incentrata sul rapporto uomo-città, città-natura, natura-artificio. La geometria diventa una scienza per riconoscere la mano dell’uomo sul paesaggio perché per dirla con De Stefani: «è una violenza razionale che in natura non è contemplata».

Info: andreadestefani.com

BIO ARTISTA: Andrea De Stefani è nato ad Arzignano in provincia di Vicenza il 15 marzo del 1982. Ha esposto alla Fondazione Sandretto Re Rebaudengo, a Fluxia gallery, all'American academy nella collettiva Milk revolution, ad Artissima 2015, nello spazio no profit torinese Almanac Inn e alla Fondazione per l'arte a Roma dopo una residenza. Nel 2010 ha fondato DNA uno spazio/opera di natura sperimentale.
PREZZO: 300 euro
ACQUISTA
 
copertina

Salito le scale, ora ho il fiatone

(Stampa digitale, 21x28,5 cm - Opera unica)

Anno: 2015

ARTISTA: Gianni Politi

SINOSSI:

Gianni Politi ha firmato la copertina del numero 102 di Inside Art con l’opera Salito le scale, ora ho il fiatone, un lavoro da lui definito «Contingenza dello studio e pornografia censurata su carta». Questo lavoro è molto interlocutorio: invece di trovare la sua origine nella memoria, smaschera sfacciatamente le aspettative del pubblico. Per dirla con le parole di Politi: «Una copertina di una rivista deve essere lo specchio dei desideri del fruitore finale, deve andare oltre l’artista stesso, ricordando che il fruitore finale segretamente vuole sempre sesso». Per conoscere meglio l’artista clicca qui.

Info: www.giannipoliti.com

BIO ARTISTA: Gianni Politi è nato a Roma il 14 agosto 1986. Nel 2014 ha esposto alla Galleria nazionale di arte moderna di Roma con la mostra ''Tra queste sale (Malandrino)'' a cura di Paola Ugolini. Ha partecipato con Enzo Cucchi alla collettiva ''La XIII luna'' alla galleria Furini Arte contemporanea di Arezzo, a cura di Rita Selvaggio. Ha partecipato alla collettiva ''La scrittura degli Echi'' al Maxxi nel 2015. Dal 2011 è uno degli artisti del Pastificio Cerere di Roma ed è uno degli artisti più talentuosi e richiesti della scena contemporanea.
PREZZO: 2.600,00 euro
ACQUISTA
 
posterMU

From here to eternity

(Stampa 65cmX50cm su carta giapponese bianca 98cmx67cm. Opera unica)

Anno: 2015

ARTISTA: Chiara Mu

SINOSSI:

Il poster d’artista di Chiara Mu risale alle prime foto che l’artista ha scattato mentre progettava la mostra From here to eternity, che si è svolta ad Albumarte a Roma: «Ha un valore speciale per me – spiega l’artista – in quanto origine, definizione progressiva nella mia mente del racconto che avrei fatto dello spazio. Ho poi apposto la scritta così visibile per rimarcare che si tratta proprio della traccia di un tempo andato, contenuto ed esaurito nel momento specifico della mostra (da ragazzina rubavo i poster di spettacoli, concerti, film che volevo tenere accanto a me per segnare il tempo, ricordare il momento in cui li avevo vissuti…)». Chiara Mu è una performer che raramente rilascia segni tangibili della sua poetica. Questa stampa è uno dei pochi esemplari di storicizzazione della sua arte. Per conoscere meglio l’artista clicca qui.

Info: www.chiaramu.com

BIO ARTISTA: Chiara Mu nasce a Roma il 3 luglio 1974. Si diploma in scenografia all'Accademia di Belle arti di Roma e poi in fotografia alla scuola Ettore Rolli. Per dieci anni ha vissuto a Londra, dove consegue il master in Fine art al Chelsea college of art and design. È una delle performer più apprezzate in Italia, che ha svolto molti programmi in residenza.
PREZZO: 1.500,00 euro
ACQUISTA
 
AMO-1

Amo

(Stampa digitale su carta Hahnemuhle satin - 100x70 cm. Tiratura 1/5 - cornice nera con vetro)

Anno: 2013

ARTISTA: Simone Cametti

SINOSSI:

Amo è la fotografia di una performance creata all’interno del cimitero di Ascoli Piceno, luogo ricco di storia, e di storie, e anche luogo di ”riposo” di alcuni affetti dell’artista, che ad Ascoli ha passato alcuni anni della sua infanzia. Nell’arco temporale di un’ora sono stati spenti 63 lumi fino a comporre la parola ”Amo”. Dietro questa foto si nasconde una ricerca lunga un intero anno: «Ho cominciato a pensare che avrei potuto scrivere una marea di altre cose: cose ironiche e cose tristi, cose complicate e originali. Invece alla fine, dopo un anno, mi sono deciso e sono tornato alla parola più semplice, più abusata, ma più autentica e diretta. La foto che ho fatto è molto bella dal punto di vista estetico, ma non avrebbe senso senza quell’anno passato a pensare». Per conoscere meglio l’artista clicca qui.

Info: www.simonecametti.com

BIO ARTISTA: Simone Cametti è nato a Roma il 1/11/1982. Si è diplomato in scultura alla Rome university of Fine arts (RUFA) e ha esposto a Palazzo dei Capitani di Ascoli Piceno, al Castello Colonna di Genazzano e in altre gallerie italiane. Nel 2012 ha vinto il Premio Terna nella categogria Gigawatt, dedicata agli artisti Under 35. Nel 2015 ha partecipato ad Arte Fiera a Bologna, con la galleria Il Segno di Roma
PREZZO: 3.200,00 euro
ACQUISTA
 
Face me

Face me

(Legno, stoffa, lana 27 x 15 x 5 cm)

Anno: 2013

ARTISTA: Matteo Nasini

SINOSSI:

Face me è uno specchio immaginario composto da un ricamo che riflette una visione astratta di se stessi, partendo dalle stoffe come elemento di intimità e contatto attraverso l’immagine di un paesaggio interiore e onirico. L’opera va inserita nella sperimentazione che l’artista porta avanti nell’utilizzo di stoffa e lana per la creazione dei suoi lavori. Un’indagine parallela a quella che da sempre lo lega alla ricerca sonora. Per conoscere meglio l’artista clicca qui.

Info: www.matteonasini.com

BIO ARTISTA: Matteo Nasini è nato a Roma il 22 gennaio 1976. Si è laureato in Contrabasso al Conservatorio Santa Cecilia di Roma e nel 2005 è entrato a far parte dell'orchestra Luigi Cherubini diretta dal maestro Riccardo Muti. Da tempo indaga le relazioni tra suono e arte visiva. Al museo della Bora di Trieste, nel 2009, ha presentato la mostra ''Risonatori eolici'', a cura di Rino Lombardi. Nel 2015 ha partecipato a vari progetti tra i quali ''La scrittura degli Echi'' al Maxxi e Sound corner all'Auditorium Parco della musica. Dal 14 maggio al 7 giugno espone la sua personale ''Resort Mirage'' alla galleria Operativa Arte contemporanea di Roma.
PREZZO: 1.800,00 euro
ACQUISTA
 
Wind-Sculptures-Glacier-Paradise-2014

Wind Sculptures - Glacier Paradise

70x100 cm, Archival C-Print. Edition of 10

Anno: 2014

ARTISTA: Giuseppe Lo Schiavo

SINOSSI:

La serie Wind Sculptures è una ricerca sull’interazione tra Natura e Arte sviluppata attraverso diversi luoghi (Italia, Grecia, Francia, Portogallo e Regno Unito). Per la prima volta, l’artista assume il doppio ruolo di fotografo e soggetto fotografato, ricoprendosi di una space weather blanket e ritraendo le forme dorate e argentate scolpite dal vento in una performance dai risultati mai uguali a se stessi. Nello specifico, l’opera Glacier Paradise è stata realizzata sul ghiacciaio del Cervino, a quasi 4000 metri d’altitudine, durante una tempesta di vento gelido che ha dato vita alla scultura di vento più informale e dinamica dell’intera serie, che si staglia solitaria su di un paradiso innevato. Per conoscere di più sull’artista clicca qui.

Info: www.giuseppeloschiavo.com

BIO ARTISTA: Giuseppe Lo Schiavo è nato il 3/9/1986 a Vibo Valentia. Nel 2013 ha partecipato al Portrait salon di Londra e ha esposto all'Aperture foundation di New York, nell'ambito della mostra dei vincitori dell'Exposure award. Ha esposto alla Saatchi gallery di Londra nel 2014 e alla Ingo Seufert gallery di Monaco di Baviera. Dall'anno scorso ha iniziato a collaborare con la Burning Giraffe art gallery di Torino, in cui, fino al 7 giugno, presenta la mostra ''Proserpina'', un inedito confronto con la natura morta.
PREZZO: 3.500,00 euro
ACQUISTA