Ultimora

Ficus Indica, il nuovo murale di Agostino Iacurci a Monaco di Baviera

Un grande, gigantesco fico d’india è spuntato da qualche giorno tra i palazzi di Monaco di Baviera. Sulla facciata dell’Hotel Meininger, in Landsberger Straße, è comparso un murales che porta colori e profumi del Mediterraneo nella città tedesca. L’autore dell’opera è Agostino Iacurci, artista foggiano noto per i suoi soggetti bidimensionali e onirici, che già da qualche anno decorano facciate cieche di grandi città come Berlino, Kiev, Atlanta, Monterrey in Messico e Roma, nei quartieri Ostiense e San Basilio. Iacurci si distingue tra mille altri per le sue grafiche essenziali, le grandi campiture di colori accesi, le linee decise, i soggetti semplici e le illustrazioni che ricordano, a tratti, iconografie dell’infanzia. ”Ho scelto di rappresentare un fico d’india, racconta l’artista, perché è una pianta che mi ricorda i luoghi della mia infanzia, che mi ha sempre affascinato per i forti contrasti che porta con sé. La sinuosità delle sue forme contrapposta alla durezza delle sue spine, la dolcezza dei suoi frutti contrapposta all’aridità del contesto in cui cresce. Inoltre è una pianta originaria di un territorio molto lontano dal nostro ma che è stata in grado di adattarsi e proliferare, diventando elemento imprescindibile del nostro paesaggio”. E come mai proprio un fico d’india a Monaco di Baviera, capitale dell’Oktoberfest? L’opera di Iacurci rientra nell’ambizioso progetto artistico We Are Creative in Puglia promosso da Puglia Promozione in partnership con la compagnia aerea Air Dolomiti, nato per celebrare la bellezza della Puglia attraverso le arti e la creatività. Dopo Berlino 2015 e Torino 2016, Monaco di Baviera è la terza tappa in cui Agostino Iacurci ha rappresentato la regione attraverso la sua arte. Il progetto ha come media partner theTrip, magazine di viaggio alternativo che racconta le destinazioni attraverso l’esperienza degli utenti.

 

Commenti