Ultimora

Marco Angelini. Speculum: la materia e il suo doppio

L’artista romano Marco Angelini ritorna in Polonia con un nuovo progetto. Inaugura il 14 settembre infatti alle 19.00 nelle sale dell’Istituto Italiano di Cultura a Cracovia diretto da Ugo Rufino, la mostra Speculum: la materia e il suo doppio, a cura di Raffaella SalatoGià noto in Polonia – a Varsavia in particolare – dove ha più volte esposto con successo nel corso degli anni presso gallerie private e spazi pubblici, l’artista sarà in mostra fino al 30 settembre con 28 opere di varie dimensioni, realizzate tutte nel 2014, realizzando così uno degli eventi di punta del Festival Viva l’Italia (14-17 settembre 2017), ampia rassegna di cibo, cultura, musica e tradizioni italiane promossa e ospitata a Cracovia. L’arte di Angelini si declina su due elementi fondanti, che caratterizzano gran parte della sua produzione: la materia come identità, il doppio come chiave di lettura. Si tratta di tele realizzate con stili e tecniche variegati e presentate due a due, ma secondo corrispondenze non sempre predeterminate all’origine, che fanno sì che il tema della coppia sfumi in richiami vicendevoli tra le varie opere, sfidando la curiosità e la sensibilità dell’osservatore. Il fil rouge ogni volta cambia, nascondendosi o svelandosi: ora è il materiale utilizzato, ora la forma espressiva, ora il colore. Il tutto, lontano dal rischio della serialità, banale e acritica, ma piuttosto ispirato al principio della specularità, che evoca senza replicare e che innesca la dialettica senza dare nulla per definitivamente assunto. In questo processo di sdoppiamento, che è sempre nuovo in quanto anche l’osservatore vi partecipa in modo attivo, l’elemento materiale è spesso decisivo se non addirittura identitario. Info: www.iiccracovia.esteri.it

 

Commenti