Ultimora

Borderlife, il nuovo lavoro di Biancoshock sulla vita sottoterra

Borderlife è il titolo del progetto ideato da Biancoshock, street artist milanese, impegnato nel sociale. L’ultima trovata dell’artista è la creazione, in alcune aree dismesse di Milano, di mini appartamenti nei tombini, arredati elegantemente e muniti di ogni comfort. «Se alcune criticità non si possono evitare – ha spiegato l’artista – tanto vale renderle confortevoli». Una provocazione ma anche un tentativo di sensibilizzare l’opinione pubblica su questioni spinose del nostro quotidiano. Biancoshock, infatti, si è ispirato alla vita dei senzatetto di Bucarest, Romania, che in oltre tremila vivono nelle fogne della città. Borderlife vuol dire quindi vita al limite, una vita di emarginati che vivono lontani dalla luce del sole e che lo street artist vuole invece far uscire allo scoperto, in modo che tutti possano vedere.

Commenti